I Comuni dell’entroterra adriatico

Da Lecce verso il mare, si estende l’entroterra adriatico, interessantissimo dal punto di vista naturale, culturale e paesaggistico. Un territorio ricco di meravigliosi borghi incantati, popolati da gente genuina e puntellati di ogni meraviglia, da grandiosi castelli a chiesette affascinanti, e monumenti di ogni tipo. Tutta questa fascia di questo entroterra era importantissima fin dall’antichità, quando era attraversata dalla fondamentale via traiana, la direttrice che collegava il Salento, attraverso Otranto, all’altra sponda dell’Adriatico.

CAPRARICA DI LECCE. Il territorio di Caprarica è stato abitato fin dalla Preistoria. Nel Medioevo ha orbitato nell’entroterra della Contea di Lecce, e dopo l’invasione turca del 1480 vide aumentare considerevolmente la sua popolazione per l’arrivo in massa di profughi provenienti da tutto il litorale adriatico.

entroterra adriatico

Palazzo baronale (vedi l’articolo completo).

2 del carmine

Chiesa del Crocifisso 

3 del crocifisso

  4Chiesa del Carmine 

6

7

Palazzo baronale di Caprarica

8

9

10

11

CASTRI’ DI LECCE. Anche questo territorio, vista la notevole presenza di menhir e specchie megalitiche, testimonia la presenza umana fin dall’età del bronzo. Oggi è un grazioso paese agricolo dell’entroterra adriatico, circondato da oliveti.

1 san vito

Chiesa di San Vito 

2

1

2

3

4

5

7

3

4

5

chiesa Madonna della Visitazione

Chiesa di Santa Maria della Visitazione 

castrì di lecce

IMG_7536

Chiesa di Santa Maria della Visitazione , interni.

IMG_7538

Chiesa di Santa Maria della Visitazione , interni.

IMG_7539

Chiesa di Santa Maria della Visitazione , interni.

IMG_7543

Chiesa di Santa Maria della Visitazione , interni.

IMG_7542

Chiesa di Santa Maria della Visitazione , interni.

8 santa maria delle grazie

Chiesa di Santa Maria delle Grazie. 

9

1

Chiesa di Santa Maria delle Grazie, interni.

2

3

10

11

Palazzo Vernazza 

12

13

Cappella Madonna della Luce 

14

15

16

17

Il menhir adiacente alla Cappella Madonna della Luce 

18

Resti dell’antico convento eremitico 

19

VERNOLE. Il comune dell’entroterra adriatico più ricco di borghi e frazioni. Il territorio di Vernole comprende un vastissimo lembo di terra, che racchiude numerosi borghi, un’ampia linea costiera e la bellissima riserva naturale WWF delle Cesine. Un viaggio che custodisce tantissime sorprese da ogni punto di vista.

1

Vernole, chiesa matrice di Maria SS.Assunta

2

3

Acaya, città fortificata cinquecentesca. Castello.

4

Castello, costruito da Giangiacomo dell’Acaya.

5

Acaya, porta d’accesso al borgo, sormontata dalla statua di S. Oronzo

6

Acaya, tratto di mura della città

7

Acaya, l’antico convento dei frati minori

8

Acaya, l’antico convento dei frati minori

9

Acaya, cappella di San Paolo

cappella di san paolo

Cappella di San paolo, interno

10 Madonna della neve

Acaya, chiesa Madonna della Neve

11

Acaya, chiesa Madonna della Neve, interni.

12

13

14

15

Acaya, piazza antistante il castello, fosse granarie

16

Acaya, chiesa bizantina all’interno del castello

17

Acaya, chiesa bizantina all’interno del castello

18

Acaya, cortile del castello

19

Acaya, castello, interni

20

21

Acaya, castello, stemma affrescato sulla volta di una sala

22

Acaya, prigioni del castello, graffiti

23 acquarica

Acquarica di Lecce, castello

24

Acquarica di Lecce, castello, voluto da Giangiacomo dell’Acaya per fortificare questa zona in funzione anti-turca.

1

Infatti, il centro storico presenta diverse case fortificate…

2

25

Chiesa matrice

26

1

Appena fuori l’abitato di Acquarica c’è la chiesa di Maria SS. dell’Incoronata (1698)…

2

…decorata nel puro stile barocco…

3

…tutte le sue pareti esterne sono completamente graffite da ogni sorta di simboli, segni, preghiere, invocazioni. Sopra pare il simbolo della triplice cinta, che abbiamo visto già in giro nel Salento…

4

…qui sopra, la mano, tipico segno lasciato dai pellegrini di passaggio…

5

Questa chiesa custodisce una cripta ipogea, decorata da un bell’altare della Madonna…

6

7

Il retro della chiesa lascia intuire la presenza di una caditoia, ora in rovina, ulteriore testimonianza della necessità di fortificare questo territorio, fra 1500 e fine del 1600.

8

L’interno è spoglio, ma l’altare centrale è ancora sontuoso, decoratissimo…

9

10

11

La piccola sagrestia è coperta da una stupenda volta a stella con otto punte: un piccolo capolavoro. Ma uscendo dall’abitato, c’è la possibilità di visitare il sito messapico di Pozzo Seccato…

27

Acquarica di Lecce, Pozzo Seccato, antico insediamento messapico

28

Si tratta di una “masseria” fortificata costruita alla fine del IV secolo a.C. e completamente circondata da spesse mura difensive, larghe quasi 4 metri. Un centro all’epoca autosufficiente. Fu abbandonato nel I secolo d.C.

29

Sotto, siamo a Pisignano, all’interno del palazzo baronale, cui vi rimandiamo nell’apposito articolo.

34

43 struda

Strudà, Palazzo baronale Esperti Saraceno

44

45

Santa Maria della neve

Strudà, Santa Maria della Neve

IMG_3402

Strudà, Santa Maria della Neve, interni

IMG_3406

Strudà, Santa Maria della Neve, interni

IMG_3412

Strudà, Santa Maria della Neve, interni

IMG_3418

Strudà, Santa Maria della Neve, interni

IMG_3423

Santa Maria della Neve, particolare degli affreschi più antichi, in sacrestia

46 vanze

Vanze, chiesa matrice

46

Vanze, palazzo baronale

47

Vanze, porta monumentale

48

Vanze, chiesa matrice, interni

49

Vanze, chiesa matrice, interni

cesine

Riserva naturale delle Cesine

entroterra adriatico

Riserva naturale delle Cesine

entroterra adriatico

Torre Specchia

Il viaggio per immagini nell’entroterra adriatico leccese finisce qui. Ma potremo rifarlo di nuovo, e risulterà sempre diverso, per via della sua bellezza!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

I Comuni dell’entroterra adriatico leccese

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.