Bozzetti di Viaggio fra le campagne di Lecce

Continuando il mio cammino a piedi, quasi ottocentesco, in onore ai famosi “Bozzetti” che scrisse il grande studioso salentino Cosimo De Giorgi, mi ritrovo in piena campagna dell’agro leccese, non lontano dalla marina di Torre Chianca, alla ricerca delle tracce della vita e del lavoro che qui si svolgeva da secoli, fino all’abbandono sopravvenuto inesorabilmente nell’ultimo secolo.

Un paesaggio attraversato dalla storica “via del carro”, che le fonti raccontano continuamente solcata dai carri che trasportavano i prodotti agricoli che da qui partivano per Lecce o i porti del Salento, dopo essere stati prodotti.

campagne di Lecce

Qui sopra siamo a Masseria Paladini, un nucleo di due torri accorpate assieme successivamente (la più antica risale al ‘500), svetta assieme alla torre colombaia…

campagne di Lecce

…fino a tempi recenti, sull’esterno della colombaia faceva mostra di sé lo stemma dell’antica famiglia Guarini. Purtroppo è stato trafugato. Miseria e nobiltà accompagnano la storia delle pietre del Salento!

campagne di Lecce

Qui siamo, non lontano dalla prima, a Masseria Barrera, accanto alla sua aia…

campagne di Lecce

…anche questo insediamento è il risultato dell’unione di due massicce torri, che dovevano servire a difendere l’abitato dalle frequenti scorrerie di cui soffrivano queste campagne nei secoli XV-XVIII. La più antica è addirittura della seconda metà del ‘400. In origine qui c’era anche un frantoio ipogeo, ed una delle vasche di raccolta dell’olio (trasportata poi dai proprietari in altro luogo) reca con sé la data 1481 in un graffito.

5-barrera-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

Il pozzo di Masseria Barrera.

6-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

Qui invece siamo a Masseria Mendule…

7-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

…nei muretti a secco che la circondano restano ancora diverse nicchie…

8-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

…la torre è ancora in ottimo stato, sorvegliata da ogni lato dai “bombardieri” di 500 anni fa, le caditoie da cui gli assediati gettavano ogni sorta di deterrente atto a scoraggiare l’assalto…

9-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

Il tempo pare essersi fermato ad allora…

10-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

Una imponente torre colombaia svetta accanto al corpo centrale della masseria…

11-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

…un tempo aveva lo stemma della famiglia Riccio, che la eresse. Purtroppo anche questo è stato trafugato, l’immagine sopra fu scattata dal prof. Antonio Costantini circa 30 anni fa, è pubblicata nel volume edito da Congedo che illustra le masserie del Salento.

12-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

Dall’alto della torre si possono osservare le masserie confinanti… guardando verso l’interno…

13-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

…e verso il mare…

14-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

Il comignolo osserva l’avanzare del progresso, che stringe in una morsa inesorabile questi che furono a loro volta gli avamposti del progresso della città nelle campagne, tanti anni fa…

15-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

…la perfezione delle loro volte è ancora oggi ammirevole…

16-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

…anche se sotto di esse, non si ciba più nessuno, né uomini né animali…

17-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

…nel ‘700 la masseria era riportata fra i beni di Ignazio Penzini dei baroni Tramacere: probabilmente questo stemma sopravvissuto era il suo, si trova proprio sulla facciata principale.

18-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

Lasciando la masseria si percorre una strada lastricata, ancora in buono stato di conservazione…

19-mendule-bozzetto-di-viaggio-fra-le-campagne-di-lecce

…probabilmente è proprio quella originale!

1

La percorro interamente. A tratti è in ottimo stato…

2

3

In questo tratto si vede come il margine sia stato scavato nel banco roccioso affiorante. Il centro conserva i segni delle ruote dei carri.

4

Laddove il fondo non era di roccia fu lastricato sapientemente.

5

A destra e a sinistra della strada, muri a secco e pagghiare si seguono armoniosamente…

6

…qualcuna anche particolare…

7

Nel silenzio del deserto circostante incontro un contadino, che mi dice che sono arrivato a Masseria Tracasci… questa proprio non la conoscevo!

8

Quel che si vede dalla via è un ambiente un pò diverso dal solito…

9

…parrebbe quasi un riparo per i viandanti… ma non sono riuscito ancora a trovare alcuna notizia su questa masseria…

9-bis

…nella sua vasta corte interna c’è un altro caseggiato, in fondo… ed una strada carraia che arriva sin qui…

10

…e non poteva sfuggirmi, con le sue pietre vecchie e odorose di umido, la discesa per un frantoio ipogeo!…

11

Interamente scavato nella roccia, la sua volta è ancora in ottimo stato e non teme cedimenti. Però l’ambiente versa in un totale stato di abbandono…

12

E’ molto grande. Ogni volta mi sorprendo a pensare alla maestria di quei mastri-scavatori che ricavavano ambienti così spaziosi, sotto la viva roccia sospesa sopra!

13

14

15

Ci sono ancora due macine, una più piccola, coperta dalla terra…

16

…sulle pareti, i classici segni delle croci, che i frantoiani lasciavano ovunque.

17

Le vasche di raccolta dell’olio sono andate in frantumi…

18

19

…però, in tanto degrado, si vede ancora la perfezione della loro opera di scavo, in ogni dettaglio, dalle vasche agli stipi di porte e finestrelle…

20

Un altro affresco del mio piccolo Salento di una volta, che ancora non vuole morire.

seguici-su-FB

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Bozzetti di Viaggio fra le campagne di Lecce

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.