Bestiario medievale salentino

Gli animali fantastici hanno sempre assillato la fantasia umana, fin dalla albori della civiltà, dalla nascita dei miti di diverse civiltà, si assiste alla creazione da parte dell’uomo di figure quali sirene, draghi, persone per metà normali e l’altra bestie. Questi bestiari, veri e propri cataloghi riportati pure in letteratura, presero forma nelle opere artistiche.

E principalmente durante il Medioevo divennero la decorazione principale di case, castelli, e sopratutto chiese, paradossalmente. Sono infatti i luoghi di culto ad offrire le immagini più sorprendenti che si possano trovare. Facciamo un piccolo viaggio in questo mondo arcano, cominciando da Brindisi, dalla chiesa di San Giovanni al Sepolcro (XII secolo).

IMG_9132

I due portali del monumento sono completamente scolpiti in rilievo e presentano ogni sorta di figura.

IMG_9131

Sopra, il caprone, di solito rappresenta il diavolo, ma in questa enigmatica chiesa potrebbe anche nascondere un altro significato.

IMG_9156

Arpie volanti tra i fregi.

IMG_9172

La chiesa presenta all’esterno due leoni che ne sorvegliano l’ingresso. E’ una raffigurazione che ritroviamo in molte altre situazioni…

leone copertino

…a Copertino, Basilica di Santa Maria ad Nives…

leone san sebastiano galatone

…ma anche a Galatone, Chiesa di San Sebastiano e San Rocco…

leone santa caterina galatina

…Galatina, Basilica di Santa Caterina d’Alessandria (XIV secolo)…

leone santa maria aurio

…Surbo, Santa Maria d’Aurio (XII secolo)…

leoni manduria

…Manduria, chiesa matrice (XV secolo)…

bestiario medievale

…Madonna Assunta, Martano (XIV secolo)…

drago melpignano

Molto comune è la rappresentazione del drago, generalmente in lotta contro San Giorgio, sopra lo vediamo sulla facciata della chiesa matrice di Melpignano…

san giorgio santa caterina galatina

…e sopra invece affrescato all’interno della Basilica di Santa Caterina, a Galatina.

drago castello corigliano

Ma lo si trova molto spesso in lotta contro l’Arcangelo Michele, forse la rappresentazione più antica di questo mostro (e relativa lotta).

arco lucchetti 1

Personalmente la più affascinante scena contro il drago la ritrovo sul quattrocentesco portale dell’Arco Lucchetti, centro storico di Corigliano d’Otranto. Ma per una carrellata più ampia sull’Arcangelo e il drago vi rimando ad un altro articolo.

guglia di soleto

La trecentesca guglia orsiniana di Soleto è un vero capolavoro di bestiario medievale. Si scorge con i suoi 40 metri d’altezza ben oltre la cittadina, ed è sorvegliata da ogni lato da mostri e draghi d’ogni tipo!

IMG_7468

Sopra, l’Inferno della chiesa di Sant’Anna, a Specchia Gallone. Anche di animali infernali è pieno il Salento!

cripta di otranto

La cattedrale di Otranto è un tripudio di bestiario d’ogni tipo. La cripta contiene diverse colonne, decorate da capitelli esemplari, in questo senso. Ma il massimo si trova nel mosaico, a cui vi rimandiamo in un altro viaggio.

bestiario medievale

Altro luogo di Brindisi molto caratteristico è la chiesa di San Benedetto, di cui sopra vediamo un particolare del portale.

san paolo galatina

Bestie che ricorrono ossessivamente nell’immaginario e nella vita dei salentini d’ogni tempo sono quelle che vediamo sopra, dipinte nella tela della cappella di San Paolo, a Galatina: il ragno, lo scorpione ed il serpente. Ce lo tramandano testi classici, ma anche il Galateo. Sono all’origine del Tarantismo.

serpenti san giovanni lecce

Una scena veramente enigmatica la troviamo in un altare della chiesa di San Giovanni Evangelista, a Lecce, quasi nascosto da un successivo altare che hanno poi addossato a questo: una donna, che si scopre le gambe, tenendo a bada con una certa sicurezza due serpenti. Tenendo conto che si trova all’interno di un convento, abitato da secoli da suore di clausura, la scena sembra ancora più strana!

sirena

In questa rassegna non può mancare la sirena a due code, diventata personalmente un vero cavallo di battaglia (per la quale rimando al catalogo ancora non completo della nostra ricerca): nel Salento ne ho trovate oltre trenta esemplari, scolpite, affrescate, persino graffite… un altro enigma dell’immaginario medievale!

bestiario medievale

La chiesa di Santa Maria della Strada (XIII secolo), a Taurisano, presenta un portale veramente affascinante, tipicamente medievale.

taurisano 2

faccione copertino

Come detto, anche le case presentavano faccioni apotropaici, che avevano la funzione di scacciare il male proprio con la loro bruttezza! Sopra ne vediamo uno, a Copertino…

faccione lecce

…qui, invece, siamo nel centro storico di Lecce…

faccione lequile

…e sopra a Lequile…

bestiario medievale

…un mostro informe serpeggia sopra una casa di Galatina, sopra….e sotto, fra le vie del centro storico di Mesagne troviamo pure… Polifemo! Ma non basterebbero cento passeggiate per fare una rassegna completa, fra le vie del Salento. Aprite gli occhi, viaggiatori, il male ci circonda!

faccione polifemo mesagne

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Bestiario medievale salentino

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.