Viaggio nel Piccolo Salento Antico

Parafrasando il romanzo di Antonio Fogazzaro, spesso me ne vado per i campi, alla ricerca delle tracce di una terra vissuta, oggi in parte dimenticata, ma il cui fascino semplice mi porto dentro imperituro dall’infanzia. Tracce di comunità dal vivere laborioso, in armonia con la natura, in una terra a volte arida e aspra, ma che ha sempre ricambiato l’amore dei suoi contadini.

Antiche sapienze, abitudini, usi, riti di un tempo lontano, che legavano gli uomini alla terra, alle sue piante, gli animali, persino gli insetti. Il Salento è una terra “piccola”, eppure al suo interno c’è una straordinaria varietà floreale, che non teme paragoni nell’areale mediterraneo. Questo generò per tanto tempo l’economia legata agli alveari…

api2

…vi erano moltissimi apiari, in svariate masserie disseminate in tutta la Terra d’Otranto…

salento antico

…oggi, quelli “storici” sono ormai abbandonati, se ne trovano ancora negli insediamenti cinquecenteschi, finiti poi dimenticati col secolo scorso…

api

…e solo qualche “massaro” illuminato contemporaneo, ne ha conservato la coltivazione.

1 da-vicino-Ophrys-lutea-Cav

Le api hanno sempre trovato, come si diceva, il terreno fertile. Grazie alle foto di Daniela Greco, facciamo un piccolo e prezioso reportage delle orchidee nostrane: il paradiso degli insetti ci viene così svelato!

2 Ophrys-incubacea-Bianca-ex-Tod.

3 Ophrys-lutea-Cav.

4 Orchis-morio-L.

5 Orchis-papilionacea-L.

Sono solo cinque, delle decine e decine di specie di orchidee salentine, l’elenco potrebbe durare molto a lungo! E’ bastato per farci rendere conto della bellezza e la varietà di questo splendido fiore!

Viaggio nel Piccolo Salento Antico 4

Il rapporto insetto-pianta-coltivatore non è l’unico, però, nella tradizione salentina. Qui sopra vediamo dei gelsi, che ci riportano ad un’altra grande esperienza di questa terra, la produzione dei bachi da seta…

Viaggio nel Piccolo Salento Antico 2

…qui vediamo il ciclo di questi insetti, ghiottissimi appunto delle foglie di gelso: dalle microscopiche uova, allo schiudersi della farfalla…

Viaggio nel Piccolo Salento Antico 7

Viaggio nel Piccolo Salento Antico 3

…passando dalle sue varie fasi…

Viaggio nel Piccolo Salento Antico 6

…fino al bozzolo, creato dall’insetto, la preziosissima seta…

IMG_3152

Al Museo della Civiltà Contadina e delle Tradizioni Popolari del Salento, sito in Tuglie, alcuni appassionati stanno riportando in auge questa coltivazione, ed hanno trovato anche dei documenti, che ne attestano l’utilizzo ancora fino alla fine del XIX secolo…

IMG_3153

IMG_3154

Sono gli appassionati, quelli che stanno facendo tornare a vivere le antiche tradizioni agricole di questa terra…

zafferano-1

… come quelli che nelle campagne a nord di Lecce stanno riportando in auge la coltura dello zafferano, un prodotto di cui si stava ormai perdendo la pratica, nonostante il notevole pregio che vanta nelle nostre cucine.

zafferano-2

Il fiore è di una bellezza poetica, e tale è anche la sua raccolta, in quanto frutto di una pazienza dai tempi dilatati, che riporta il contadino a ritmi che non fanno più parte della vita contemporanea. Un valore aggiunto, scaturito da questa impresa, che concorre ad accrescere la soddisfazione di questo antico prodotto oltre ogni dire.

zafferano-3

La pianta non necessita di irrigazione, si accontenta delle magre piogge di Terra d’Otranto, richiede soltanto un aiuto nel diserbare le infestanti che le crescono intorno. E quando, come in questo caso, la coltivazione è fatta in termini completamente biologici, il diserbo avviene del tutto… a mano!

zafferano-4

Ma la soddisfazione è grande, nel vedere il cestino riempirsi…

zafferano-5

…e sopratutto il vasetto rosso fiammante dello zafferano pronto all’uso! Consiglio a tutti gli interessati di seguire questi ragazzi sulla loro pagina Facebook.

IMG_2216 copia

Continuo il mio viaggio rurale! Presenza rara in Salento, perché ostinatamente osteggiata, la cosiddetta spurchia, un termine che si traduce semplicemente con “sfortuna”: una pianta che cresceva quasi come un parassita in mezzo ai legumi, sopratutto le fave, mandando in bestia i contadini perché avrebbe rovinato loro il raccolto…

spurchia, antico salento

…in realtà, è una pianta commestibile, ed ho personalmente incontrato qualcuno che la cucina, fritta, come una leccornia. Ed ho parlato anche con qualcun’altro che mi riferisce pure che nel barese, invece, la spurchia è coltivata, e paradossalmente frutta molto di più dei legumi!

viaggio nel piccolo salento antico 3

Da queste parti diciamo che sono più “tradizionalisti”: da sempre, con la mente ed il cuore, alle olive…

salento antico

L’oro verde di questa terra, letteralmente sfamata per secoli da questo frutto, che durante i secoli XV-XVI fornì questo prodotto alle corti di mezza Europa, che lo usava come carburante per l’illuminazione. Testimoni di questa lunga storia sono gli olivi giganti del Salento.

viaggio nel piccolo salento antico 2

Gallipoli era il porto da cui partivano incessantemente le navi da carico. Per un’amaro contraccolpo della Storia, da Gallipoli arrivò la ricchezza, un tempo, e negli ultimi anni invece è arrivata la rovina degli alberi d’olivo del Salento, attaccati dal batterio xylella…

viaggio nel piccolo salento antico 4

…una “guerra” per la sopravvivenza con la quale gli agricoltori stanno gagliardamente combattendo, per fermare il disseccamento che colpisce gli oliveti. E conoscendo questa gente, sono certo che la vittoria gli arriderà.

IMG_3275 copia

All’ombra degli olivi, quante volte vediamo il prato rosso dei papaveri…

IMG_3274 copia

…un fiore da cui le nostre nonne ricavavano infusi per… tenere “tranquilli” i bambini! Una tisana che col tempo è caduta in disuso.

IMG_0295 copia

Questa qui sopra invece è la pianta di cappero. Cresce fra le pietre, arrampicata sulle rocce, è bella ed elegante…

IMG_0296 copia

…il suo fiore è molto bello e appariscente. I capperi non mancavano mai sulla tavola dei salentini.

more

Le more, altro frutto selvatico, dal sapore dolciastro, che chiunque frequenti le campagne ha assaggiato, almeno una volta!

pianta di acanto

Questa qui sopra, invece, non la conoscono in molti, ma la sua rappresentazione barocca è un’icona, sopratutto in questa terra: si tratta della pianta di acanto! La chiesa di Santa Croce a Lecce è solo un esempio: tutta la Terra d’Otranto, sui capitelli delle sue chiese, ha le sue foglie di acanto scolpite nella pietra leccese!

cece nero di zollino

Il cece nero di Zollino è una delle coltivazioni autoctone più caratteristiche…

IMG_6534

…sfruttate secolarmente dalle masserie di questa terra…

melograno su albero

…dove non mancavano mai i melograni…

grano

…e il grano, sopratutto le varietà antiche, come il “Senatore Cappelli”, oggi quasi soppiantato per stupide ragioni economiche, che mettono avanti alla qualità del cibo il guadagno da realizzare. Per fortuna, qualche coltivatore illuminato è rimasto, anche per questo grano.

pannocchie granoturco

Più raro il granoturco, ma ugualmente apprezzato.

viaggio nel piccolo salento antico 1

Nel sottobosco si incontra ogni sorta di specie, alcune a me completamente sconosciute, come questa qui sopra…

fungo

…e poi, funghi, di ogni genere, commestibili e non…

viaggio nel piccolo salento antico 2

…gli immancabili fichi, cibo prelibato per i contadini, che lo facevano anche seccare, per poterlo portare in tasca durante la loro pesante giornata di lavoro: la sua carica di energia avrebbe fatto far loro il pieno!

IMG_4435 copia

E poi i fichi d’india, altra prelibata specialità selvatica. Qui sopra condivido una pala dell’amico Luciano Faggiano, che ne ha trovata una da record!

viaggio nel piccolo salento antico 1

Che poesia, le ciliegie!

viaggio nel piccolo salento antico 2

Meraviglia dolcissima, molto prelibata, usata anche per fare la marmellata…

viaggio nel piccolo salento antico 3

…partecipare ad un raccolto di ciliegie è un’esperienza da provare!

viaggio nel piccolo salento antico 4

Si ritorna “bambini”, e poi come si dice: una tira l’altra, è proprio vero!

viaggio nel piccolo salento antico 5

viaggio nel piccolo salento antico 6

Per chi ama andare per masserie, quelle che ancora svolgono la loro secolare funzione, una ricreazione creativa lo attende.

fiore ipomoea

Qui sopra è un fiore a campanella molto diffuso nelle nostre campagne, la ipomoea. Personalmente l’ho piantato nel mio giardino, ma in parte mi sono pentito: è letteralmente infestante, cammina strisciando per metri e metri, ed ogni 20 cm mette nuove radici, cosicché puoi anche estirpare la pianta principale che essa non morirà più. Praticamente immortale! La bellezza ha il suo prezzo, da queste parti…

fiori e muro a secco

Il viaggio rischia di diventare davvero molto lungo…

papaveri e muro a secco copia

…il paesaggio merita un’occhiata approfondita ogni dove!…

IMG_9339

…mi fermo davanti ad una vecchia quercia, in territorio di Campi Salentina. Sicuramente fa parte dell’antica foresta oritana (oggi non più esistente), che partiva dal brindisino per attraversare il nord leccese e finire verso Otranto. Un panorama che rendeva questa terra, da questo punto di vista, simile alla sponda opposta dei Balcani. Ma questa delle querce è un’altra storia! 

seguici-su-FB

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Viaggio nel Piccolo Salento Antico

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.