Una memoria rupestre di Uggiano

Il territorio di Uggiano La Chiesa riserva ancora sorprese riguardo il suo patrimonio storico rupestre: dopo la chiese in rupe, i frantoi e grotte di ogni tipo, stavolta siamo incappati in un ambiente diverso dal solito.

Ci troviamo nelle campagne del borgo, in direzione mare, all’interno di un uliveto, un territorio di cui si fece anche una cava, in passato.

Una memoria rupestre di Uggiano La Chiesa

All’interno di questa cava è sopravvissuta questa opera di scavo nella roccia, un quadrato perfetto, di 5 metri per lato. Vi sono due ingressi, quello principale sembra quello sulla destra, la cui architrave è caduta, con l’abbandono.

Una memoria rupestre di Uggiano La Chiesa

Appena entrati, si nota subito una vasca rettangolare più piccola, spostata appena sulla sinistra, e sulla parete di fronte, una nicchia scavata nella parete al centro, mentre ai lati si aprono due aperture.

Questa è la visione dell’accesso, dall’interno. L’accesso si trova a est…

…qui sopra vediamo la parete nord, sotto la quale un lungo sedile scavato nella roccia inizia a correre per tutto l’ambiente, su tre lati.

Qui sopra vediamo la parete sud, anch’essa fornita di due vani scavati…

…e mostra alcuni graffiti. Qui vediamo una prima croce patente…

…una data, che potrebbe farci capire il periodo in cui il luogo era operativo, ma i numeri sembrano sovrapposti e non sono riuscito a decifrarla…

Accanto alla nicchia grande c’è un’altra croce, appena percepibile…

…mentre questa è molto più ricercata, e presenta anche il simbolo del Golgota, sotto la Croce.

Al lato della parete ovest c’è un interessante scavo angolare…

…che reca in alto un’apertura verso l’esterno…

…un foro perfetto, quindi volutamente creato dai costruttori di questo ambiente.

Al centro, accanto alla vasca, ci sono due evidenti basi per un torchio…

…come dimostra anche la visione dall’alto. Tutto lascia pensare ad un ambiente per la lavorazione dell’uva, un palmento.

Uscendo, si nota il foro dove si allocava una lampada ad olio per l’illuminazione.

All’esterno ce n’è un altro, angolare.

Posteriormente sta crescendo un ficus, ma l’ambiente è ancora in buone condizioni. E’ stato anche salvato dalla nascita della cava circostante, all’epoca.

L’amico archeologo Cristiano Donato Villani mi conferma l’idea che si tratti di un palmento, ma mi suggerisce anche un’ipotesi molto affascinante, considerando la possibilità che in origine questo ambiente potesse essere una piccola chiesa rupestre. Ringrazio di tutto cuore la cara amica Ada Cancelli, che me ne ha segnalato l’esistenza: anche lei, come me, nei giorni liberi scorrazza in lungo e in largo per il Salento, ma confesso che qui non so se ci sarei mai arrivato!

  © Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Memoria rupestre di Uggiano

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.