Melissano, a spasso nel Salento nascosto

Melissano è un piccolo borgo non molto noto della provincia di Lecce. Relativamente giovane, come istituzione, il simbolo di questo comune è una laboriosa ape, simbolo di un’attività, quella della produzione del miele, che certamente fu parte integrante dell’attività economica dei suoi abitanti…

api

Le origini di Melissano non sono certe, tuttavia pare probabile che sia sorto insieme ai casali medievali nati nella zona intorno all’anno Mille. Fra i suoi illustri cittadini è senz’altro da ricordare il celebre scrittore e filosofo Luigi Corvaglia, colui che più di tutti si dedicò allo studio dell’opera di un altro filosofo, quel Giulio Cesare Vanini, morto lapidato in Spagna per via delle sue idee condannate dalla Chiesa; ma il Corvaglia è autore anche dell’intenso romanzo “Finibusterre”, forse il primo libro veramente “salentino”, nel quale si fonde mirabilmente uno spaccato dell’intera cultura popolare di questa terra.

1

Melissano. Chiesa matrice della Beata Vergine del Rosario.

 

2

Melissano. Chiesa matrice della Beata Vergine del Rosario, interni.

 

3

4

5

6

7

8

Forse il monumento più antico di Melissano è l’ormai ex chiesa dedicata a Sant’Antonio, certamente innalzata durante il 1500. Ai primi del 1900 fu sconsacrata, e da allora fu dedicata ad attività culturali.

9

Ex chiesa di Sant’Antonio

10

Ex chiesa di Sant’Antonio, interni.

11

12

13

Particolare di uno degli affreschi primitivi.

14

15

La chiesa dell’Immacolata custodisce diverse e pregiate statue, di varia fattura, una delle quali è venerata come una Madonna che compì un miracolo…

16

Melissano, chiesa dell’Immacolata.

17

Melissano, chiesa dell’Immacolata. Interni. Statua miracolosa.

18

19

melissano

Il miracolo in questione racconta del furto di questa statua, operato da uomini provenienti da Casarano, i quali però, giunti al confine del territorio fra questi due comuni, furono costretti ad abbandonare la statua perché divenuta improvvisamente pesante. I melissanesi, da sempre un pò rivali dei cugini casaranesi, interpretarono questo episodio come una particolare volontà della Madonna a restare in questa città. Piccolo aneddoto di colore che non fa che rendere più simpatico questo borgo quieto del Salento.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Melissano, a spasso nel Salento nascosto

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.