L’Odegitria di Galatone

Galatone, interessante borgo medievale ricco di storia, conserva un’importante traccia del suo culto per la Madonna Odegitria, “colei che indica la via”, ossia il suo Bambino Gesù: un’antica chiesa, datata attorno al 1100, dedicata a Lei, e che un tempo era completamente affrescata, e nonostante l’abbandono di secoli conserva ancora oggi uno stupendo apparato iconografico.

La parte più interessante del tempio è la zona voltata a botte, nel cui settore si conservano anche le piccole monofore laterali, visibili anche dall’esterno…

L'Odegitria di Galatone

… ma si possono notare ancora anche le tracce dell’antico tetto a capanna con cui era stata costruita in origine…

L'Odegitria di Galatone

…l’interno cattura subito lo sguardo, per il tripudio di immagini che si susseguono, alcune ben distinguibili e altre no, lungo tutta la superficie della muratura interna.

L'Odegitria di Galatone

In alto, alcuni ovali racchiudono angeli e santi…

L'Odegitria di Galatone

…ed al centro, il Cristo…

L'Odegitria di Galatone

Al centro della parete absidale c’è la Madonna Odegidria.

L'Odegitria di Galatone

L'Odegitria di Galatone

Purtroppo, questa Madonna con Bambino è fra le immagini più danneggiate…

L'Odegitria di Galatone

L'Odegitria di Galatone

Fra tutti i cicli Cristologici che ho visto in tutto il Salento, personalmente, questo è forse il più emozionante: le varie fasi della vita di Gesù sono espresse con una vitalità impressionante, come la pena della Maddalena, qui sopra, che si strappa i capelli davanti al corpo, immoto, del Salvatore, qui disteso davanti a lei…

L'Odegitria di Galatone

Altre scene della vita di Gesù…

L'Odegitria di Galatone

Qui sopra, il Cristo mentre viene sceso giù dalla croce. Chissà se qui si voleva dar volto anche a Giuseppe d’Arimatea, che il suo corpo ebbe in custodia…

L'Odegitria di Galatone

IMG_8888

IMG_8889

IMG_8890

IMG_8891

La chiesetta è stata riportata al culto, dopo tanti anni di abbandono, così oggi non solo i fedeli, tra sabato e domenica, ma anche gli amanti d’arte possono entrare in questo tempio, per ammirare ciò che resta…

IMG_8892

La chiesa è datata XII secolo, ma è difficile dire quali siano gli affreschi più antichi, in quanto le pareti hanno diversi strati pittorici, segno che probabilmente fin da subito qui si decorò il tempio.

IMG_8897

Altri affreschi raffigurano Santi della liturgia orientale.

IMG_8899

IMG_8901

Questa statua è l’unica rimasta della chiesa originaria…

IMG_8904

IMG_8900

…tutte le pareti sono non solo affrescate ma anche graffite: nomi, preghiere ed epigrafi ormai illeggibili restano a testimonianza della gran quantità di pellegrini che questa chiesa vide, anche dopo il medioevo. Un pellegrinaggio a cui invitiamo anche i viandanti contemporanei!

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

L’Odegitria di Galatone

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.