La più grande pagghiara del Salento

La “pagghiara”, la classica costruzione rurale in pietre a secco del paesaggio salentino, ha la sua apoteosi nel colossale pagliarone Ferrante (dal nome del suo proprietario), situato in agro di Ruffano, negli oliveti fra Miggiano e Taurisano. Una costruzione straordinaria, che solo dal vivo rende appieno le sue dimensioni.

Misura 26 metri di larghezza, dal lato dell’ingresso, e 13 dall’altro lato, formando un rettangolo composto da due cupole e vani più piccoli addossati tutti insieme in un unico corpo.

 

A primo impatto riporta alla mente l’immagine delle piramidi, ovviamente con la dovuta proporzione di dimensioni…

…guardandolo dal satellite (e su Googlemaps si trova anche segnalato), in effetti restituisce la pianta a gradoni delle piramidi più antiche…

…ma questa non è l’abitazione di un faraone, bensì di semplici contadini!

Certo, i suoi architetti dovevano essere contadini molto pratici, con l’arte di mettere insieme le pietre.

In questo caso, abbiamo anche la firma del suo costruttore, tale Oronzo Martina, che qui operò nel 1821. E’ solo la mia opinione, ma penso che Oronzo qui fece un’opera di “restauro”: la terra rossa (il “bolo”) con cui sono tenute insieme le pietre che si vedono sull’esterno, come mi dice il prof Antonio Costantini, era una tecnica di costruzione cinquecentesca, quindi in questo caso il primo nucleo era molto più antico, e magari fu ampliato.

Nella sala principale le mura sono intonacate, fino ad una certa altezza…

…poi osservando verso l’alto, si nota la cupola, con le pietre vive.

La seconda grande sala presenta una cupola assai diversa…

…e forse era l’ambiente destinato agli animali da pascolo.

Tutto sembra fermo, qui. Le cicale sono quasi assordanti, non si vede nessun uomo, a perdita d’occhio: un tempo questi campi erano animati, mentre oggi gli olivi sono attaccati dalla xylella e abbandonati. Una piccola grande storia, decadente, come la memoria degli uomini.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

La più grande “pagliara” del Salento

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.