La Menorah nelle grotte di Torre dell’Orso

Il simbolo della menorah è qualcosa che identifica subito un luogo e il popolo che lo abita. La presenza di comunità ebraiche nel Salento è nota fin dal medioevo. Sono molti i comuni che ne ospitarono un quartiere, che conservano ancora nomi di vie e rioni dedicati alla loro storia. A Oria si conserva una celebre stele, datata XII secolo…

stele

A Manduria è rimasta la sinagoga, integra, sia nell’interno che all’esterno…

manduria1

manduria2

Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto custodisce invece qualche iscrizione, ed un paio di menorah graffite, tutti reperti d’epoca medievale…

menorah

Interessante l’epigrafe che si trova in piazza, a San Donato di Lecce. E’ il capitolo 13, versetto 14 della Lettera agli Ebrei. Dice: “Non abbiamo una dimora quaggiù, ma siamo alla ricerca di quella futura. A(nno) 1777”.

san-donato-ebrei-non-abbiamo-quaggiu-una-citta-stabile-ma-cerchiamo-quella-futura

Ma la scoperta più interessante l’ho fatta grazie all’amico Donato Santoro, che in una delle sue passeggiate sulla scogliera di Torre dell’Orso, marina di Melendugno, entrato in una delle tante grotte più o meno naturali, si imbatté in un graffito, raffigurante una Menorah, il lampadario a sette bracci che in antichità veniva acceso nel Tempio di Gerusalemme…

6

1

L’accesso a questa grotta è ripido, e degrada subito verso il mare, che ruggisce a pochi metri attraverso il tortuoso corridoio. Lo stretto pertugio finisce direttamente in mare, e bisogna stare attenti nelle giornate di burrasca perché rischia di risucchiare gli eventuali visitatori…

SAMSUNG

C’è giusto un sottile strato di scogliera che fa da trampolino sul mare aperto. Si riesce a dare un occhiata all’erto promontorio eroso dalle onde…

SAMSUNG

Ed è da qui che, voltando lo sguardo sulla parete a destra, che si mostra discretamente questa misteriosa traccia…

2

Sebbene consunto dal tempo, la menorah è ancora ben distinguibile. Sopra c’è anche una incisione, in ebraico, la firma di colui che la incise, e una breve preghiera a Dio…

3

Un piccolo tesoro nascosto di una terra ancora tutta da scoprire.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

seguici-su-FB

La Menorah nelle grotte di Torre dell’Orso

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.