La Madonna della Grotta a Ceglie Messapica

Uno svettante campanile si erge fra gli olivi che circondano Ceglie Messapica, a 6 km dalla città, perduta nelle campagne, è la chiesa della Madonna della Grotta, antichissimo insediamento monastico che risale al IX secolo d.C. e poi inglobato nella masseria adiacente in epoca moderna. E’ uno dei tesori abbandonati della storia di Terra d’Otranto.

Situata lungo l’antica strada che conduceva verso Francavilla Fontana è una commistione tra il tipico ricovero dei monaci che cominciarono a stanziarsi in queste terre a partire dal VIII secolo, utilizzando le cavità naturali, e la nuova architettura gotica, che durante il 1300 vide poi qui innalzarsi il grande campanile a vela che si può apprezzare ancora oggi.

Madonna della Grotta 0

Madonna della Grotta 1

Purtroppo l’abbandono ed il degrado stanno compromettendo la stabilità dell’edificio. Il rosone, ai suoi tempi, doveva essere veramente spettacolare…

SAMSUNG

5

Sotto il rosone si nota ancora un’iscrizione, aguzzando gli occhi… Poi,  appena si varca l’ingresso, si accede ad un piccolo ambiente coperto da una preziosa volta…

6

…dopodiché lo sguardo si getta giù, sprofonda, si inabissa all’improvviso verso il basso…

1

Una ripida scalinata ci accompagna verso l’ambiente sotterraneo… le grotte degli antichi monaci…

2

…dove restano degli altari…

3

…nel silenzio e nell’odore di umido…

Madonna della Grotta 3

Poche tracce di affreschi: sopra, Sant’Antonio Abate, il santo eremita…

SAMSUNG

…e poi, ancora meno visibile, la Madonna con Bambino da cui deriva il nome della chiesa. La grotta prosegue per quasi 40 metri, tra stretti e bassi passaggi a gallerie riccamente concrezionate. Una visita che non può essere fatta avventatamente, in quanto si tratta di luoghi solitari, per cui prendere il massimo delle precauzioni è la cosa più sensata da fare.

4

Lo stato di abbandono stringe il cuore. Tuttavia, andando via da questo luogo, osservando il campanile che secoli e secoli fa richiamava i contadini della zona, non possiamo non sentire una carezza al cuore, al pensiero della storia minima che ha vissuto, amato e lavorato, in questo incantevole angolo delle colline cegliesi.

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La Madonna della Grotta a Ceglie Messapica

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.