La Madonna del Monte e Cavallino

La storia della Madonna del Monte si intreccia teneramente come un abbraccio con quella di Cavallino, e presenta aspetti interessanti anche per chi non ama le storie religiose, considerati gli aspetti storici e i luoghi d’arte che sono legati a questa poetica figura di donna, che per i cristiani è la madre del Salvatore dell’umanità. 

Abbiamo già fatto un ampio reportage su Cavallino, ora qui aggiungeremo questa storia e questi documenti per dar valore ad una città ancora non abbastanza considerata per quello che merita. Il racconto che ogni cavallinese perpetua ai suoi figli di generazione in generazione fino ai nostri giorni, parte da un giorno imprecisato dei primi anni del Mille, quando un pastore, allertato dal suo bue che si era inginocchiato senza volerne più sapere di spostarsi, scoprì in una grotta un’icona della Madonna.

IMG_2312

Riviviamo la scena attraverso quest’opera del grande cartapestaio leccese Giuseppe Manzo (1921), conservata all’interno della chiesa matrice. Grande all’epoca fu il giubilo in paese. Il luogo del rinvenimento era proprio nei pressi dell’attuale parco archeologico, dove si possono osservare i resti della grande città messapica. Una storia simile a quella di Torchiarolo, dove pure si rinvenne l’icona della Madonna della Galeana presso la città messapica di Valesio. Il sito era l’unico situato leggermente in altura, perciò le venne data la denominazione di Madonna del Monte. Fu costruita la chiesa che ancora oggi ospita la preziosa reliquia.

L’illustre studioso Cosimo De Giorgi la visitò diverse volte. Un’epigrafe scritta in greco ne ricorda la data di costruzione: 1309…

…ma sul sito erano certamente presenti comunità di monaci greci eremiti…

…che stanno a testimoniare l’importanza di questa piccola cappella…

…sul cui muro esterno si conserva anche un’epigrafe latina.

Ogni anno la città di Cavallino segue in una lunghissima processione la statua della Madonna, cantando un Inno scritto appositamente per lei.

Madonna del Monte

Nel 1627 il Marchese di Cavallino, Francesco Castromediano di Limburg, sposò la pia nobildonna Beatrice Acquaviva d’Aragona, che fra i numerosi doni che ella fece ai suoi cittadini c’è anche una statua, esattamente quella che ancora oggi si segue durante la processione. La residenza di questa preziosa statua è la cappella gentilizia situata all’interno del palazzo marchesale, un piccolo gioiello d’arte essa stessa.

1

Questo ambiente, molto caro alla signora Annarita Cantoro in Gorgoni, che oggi lo custodisce come gli antichi nobili di un tempo e con lo stesso amore, è particolare per via dei tesori in esso custoditi.

2

Lo splendido altare centrale ospita le reliquie, oltre che le statue, di diversi Santi.

3

Tutte le pareti sono affrescate dai più rinomati artisti cinquecenteschi.

4

Sopra vediamo invece uno stipo in legno, che reca l’iscrizione del 1588 con la quale il Papa, cosa abbastanza rara da riscontrare in altre chiese, concedeva delle particolari indulgenze soltanto per questo luogo di culto.

5

Lo stemma dei Castromediano, tra gli affreschi.

6

Tra i dipinti ci sono diverse opere del grande artista copertinese Gianserio Strafella, considerato dal De Giorgi “uno dei pochi pittori veramente esimi di Terra d’Otranto”.

7

8

Particolare del pavimento maiolicato, un’altra chicca della cappella. Qui è tutto rimasto come in principio.

10

9

Cavallino, scrigno d’arte, di cultura e di Fede, fulgido esempio delle città del Salento.

La Madonna del Monte e Cavallino

 

1 Madonna del Monte Cavallino
2 Madonna del Monte Cavallino
3 Madonna del Monte Cavallino
4 Madonna del Monte Cavallino

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.