La cripta delle navi a Otranto

Lo scenario incantevole della Valle dell’Idro a Otranto è costellato di cripte scavate dall’uomo nella roccia. Alcune furono chiese, altri luoghi ancora in corso di studio, altri ancora luoghi di passaggio da tempo immemorabile.

Uno di questi è certamente quella che chiameremo la “cripta delle navi”, e scopriremo facilmente perché…

L’accesso è un pò nascosto dalla vegetazione. Questo vano si trova a ridosso di un costone roccioso circolare, alle cui spalle si trova la più nota “cripta del turco”, dove resiste ancora il graffito di un ricordo che forse ha a che fare con la storia più tragica di Otranto, quella dell’assalto turco del 1480.

Entrando, si nota subito la parete di fronte interamente graffita, su cui spiccano le iscrizioni “IHS” con la croce soprastante, che è un simbolo del Cristo. Ed altre non facilmente leggibili.

Sulle pareti laterali risaltano invece, enormi, alcune navi graffite che sembrano quasi muoversi, fluttuare sulla roccia come sulle onde del mare…

Sono disegni essenziali eppure ben delineati, come fatti da una mano che aveva dimestichezza nella rappresentazione di questi soggetti.

Ho fatto uno schizzo sul posto, per rendere meglio la planimetria del piccolo ambiente, caratterizzato da un lungo sedile scavato anch’esso nella roccia, che corre tutto intorno all’ambiente, e che chissà quanti pellegrini ha accolto nel riposo di una piccola sosta o una notte prima di riprendere il viaggio.

Si scorgono navi graffite anche più piccole, che solo avvicinandosi alla prete si riesce a distinguere.

Qui sopra è la visione dall’interno, verso l’ingresso. Si notano due stipi scavati nella roccia, lateralmente, uno più grande dell’altro.

Questo è il lato sulla sinistra, appena entrati nella cripta. Un grande stipo copre quasi metà della lunghezza della parete.

Ogni centimetro della cripta è stato graffito: qui sopra notiamo la nave rappresentata proprio sull’accesso, sulla destra.

Altre navi, rappresentate stavolta in modo schematico…

…e poi, qui sopra, un omino, che sembra avere in mano un’arma, forse una spada, tesa verso l’alto con fare minaccioso.

Un’altra nave, posta quasi al livello del suolo…

E qui sopra un’altra figura, sembra un animale, forse un cavallo.

Questo è l’angolo sulla destra, entrando. Replicato come l’altro.

Un piccolo mondo antico, a cui la Valle dell’Idro ci ha abituato, e che ci mostra come questo luogo fosse intensamente frequentato sin da epoche remote, e la roccia diventasse la migliore alleata della gente che aveva bisogno di un riparo. La peculiarità delle gran quantità di navi graffite presenti qui dentro mi ha riportato alla mente quanto in Salento questo simbolo accompagnasse i viandanti, abituati a vedere vele sul mare adiacente (per gli interessati trovate QUI la mia ricerca completa delle navi graffite sulle rocce in Salento), dall’Adriatico allo Jonio. Ringrazio l’amica Ada Cancelli che per prima mi segnalò questo luogo incantevole.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La cripta delle navi a Otranto

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.