Gli ipogei paleocristiani di Siponto

Siamo a Manfredonia, alla scoperta degli ipogei paleocristiani di Siponto. Si entra nell’ipogeo 4, (catacomba del V-VI sec. d.C., sempre adibita a sepolcreto per persone di alto rango, illuminata anche da una finestrella), da un unico ingresso da cui si diramano tre percorsi interni che portano verso le numerose sepolture disposte sia in terra che negli arcosoli laterali.

Questo è l’unico ipogeo in cui è possibile trovare la successione verticale di tre loculi, uniti da arcosoli.

Nel XIII secolo giunse a Siponto il re Manfredi, figlio di Federico II, che volle costruirvi la sua rocca. L’antica necropoli fu profanata e divenne una cava di tufo dalla quale estrarre le pietre di costruzione della nuova città di Manfredonia.

Tutta l’area intorno alle catacombe fu scavata per estrarre tufi, così che molte sepolture vennero spaccate.

Placatosi il furore dell’estrazione di tufo, nel Seicento, vi sorse una masseria e le grotte furono trasformate in stalle per i bovini, ovili per gli armenti, stoccaggi di granaglie e depositi di carri agricoli e attrezzi. Poi il declino, l’abbandono, l’abusivismo e l’estrema umiliazione: la trasformazione in discarica. Fortunatamente oggi, con un progetto finanziato da fondi europei, il complesso monumentale funerario Capparelli è risorto a nuova vita.

Impressionante è l’ipogeo 5, del IV-V sec, che fu sfruttato come cava per secoli e poi adibito probabilmente a deposito di grano o paglia e come ricovero per animali.

L’ingresso originale è molto al di sopra del piano di calpestio della grotta, per cui è chiuso e si accede al sepolcreto da un’entrata laterale, realizzata con una rampa nell’invaso della cava adiacente.

Su una passerella aerea si accede alla stessa altezza degli scavi originali, dove si vedono le tombe a sarcofago paleocristiane inserite negli arcosoli.

La catacomba è la più estesa in lunghezza fra gli Ipogei Capparelli e fu così devastata dall’escavazione dei tufi, da creare un multipiano di superfetazioni, così che il piano ultimo di cava si vede giù in basso, in un’ambiente una volta sacro ora smembrato e profanato.

Altrettanto impressionante è l’ipogeo 6, con l’ingresso che immette su una rampa da cui si vedono le tombe paleocristiane originali.

Adibito in origine a sepolcreto per personaggi di alto rango, fu poi utilizzato come cava e devastato con scavi profondi, che hanno tranciato molti dei loculi sepolcrali originali. In periodi recenti fu usato come deposito di grano e paglia.

Uscendo si passa accanto ai resti dell’antica rocca, ora in rovina, voluta da Manfredi.

Gli ipogei paleocristiani di Siponto

Gli altri ipogei Capparelli n 7 – 8 e 9 non sono visitabili perchè posti sotto la masseria e nel sito di un’altro proprietario.

Gianluigi Vezoli

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Gli ipogei paleocristiani di Siponto

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.