Il castello di Bari

Una storia antica, quella del Castello di Bari, che si perde veramente nelle nebbie della Storia nel tentativo di risalire alle sue origini, la sua fondazione. Orazio e Tacito, grandi scrittori latini, accennano all’esistenza, nell’antica Barium di una rocca fortificata, che potrebbe coincidere per lo meno col sito dell’attuale castello. Gli studiosi sono propensi a collocarlo con la fortezza d’epoca bizantina, sede del Catapanato, posta presso l’attuale Basilica di San Nicola.

Il Castello, posto nel luogo che noi oggi vediamo, probabilmente fu eretto intorno al 1130, e fu il duce Normanno Ruggero II a volerne la costruzione. La fortezza poi venne quasi del tutto distrutta da Guglielmo il Malo, che risparmiò della città soltanto i luoghi di culto.

Il Castello di Bari

Fu ricostruita intorno al 1233, quando l’Imperatore Federico II ordinò la nuova riedificazione ed il suo rafforzamento in funzione della sua posizione strategica sull’Adriatico.

Il Castello di Bari

Il Castello subì nel corse dei secoli ulteriori trasformazioni, sia in epoca angioina che aragonese…

10275311_790598021037428_5550438085593479443_o

Oggi, una visita in questo suggestivo maniero, permette di osservare gli elementi architettonici che ne hanno accompagnato la storia…

11050857_790595324371031_2871449228050193090_o

…a partire dai fregi di tutti i suoi capitelli, le decorazioni, le iscrizioni…

11112220_790598144370749_7925586108859813025_o

Il Castello di Bari

11147066_790588504371713_5769216193377294869_o

Agli Aragonesi successe la famiglia degli Sforza, ed anche essi mutarono l’aspetto della fortezza, decorandola di qualche motivo nobiliare che la faceva somigliare appunto più ad una residenza che una rocca.

Il Castello di Bari

11703438_790594301037800_4840007585738034994_o

Il Castello di Bari

Nota una illustre abitante di questo castello, la regina di Polonia, Bona Sforza, che qui visse, e poi morì, nel 1557.

Il Castello di Bari

Il Castello di Bari

11722651_790594364371127_5670071580384669977_o

11731938_790594207704476_5746276300633077832_o

Da osservare e studiare tutti i decori che arricchiscono gli interni e le strutture architettoniche!

11732023_790594704371093_2108564744217209120_o

11751842_790598127704084_8004380767491261830_n

Il castello è oggi tornato a mostrare l’antico fossato che lo cingeva in origine lungo tre lati: quello rivolto a nord era un tempo bagnato dal mare.

Il Castello di Bari

La Città ha rimesso a nuovo la sua antica fortezza sull’Adriatico, con un’opera meritoria, che non mancherà di attrarre turisti e appassionati.

Il Castello di Bari

Benvenuti nella spettacolare Bari medievale, un mondo da riscoprire e far conoscere!

che ringrazia Gianluigi Vezoli, per le fotografie ed il suo impegno volto alla divulgazione delle importanti opere d’arte di Puglia.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Castello di Bari

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.