Insediamenti rupestri di Puglia e India

Trovare analogie fra gli insediamenti rupestri di Puglia e India, due realtà tanto lontane e diverse, non era affare facile. Ma l’amore che il prof. Gianluigi Vezoli nutre per la “Civiltà rupestre”, come la definì Cosimo Damiano Fonseca, ha superato ogni ostacolo, e così, indagine e viaggio, uno dopo l’altro per anni, hanno prodotto alla fine un interessantissimo convegno.

Ho scoperto Gianluigi grazie a Facebook, sulla sua pagina personale, dove pubblica precisi e dettagliatissimi interventi, ricchi di fotografie e nozioni ricercate, che incuriosiscono il visitatore. Con occhi incantati, li ho condivisi sulla pagina estera del mio Salento a colori, contribuendo nel mio piccolo a divulgare questo preziosissimo lavoro.

Insediamenti rupestri di Puglia e India

Lo scorso 23 giugno 2017, ho seguito Gianluigi (incontrandolo finalmente di persona!) all’interno del Museo Faggiano di Lecce, dove ho registrato praticamente per intero il suo intervento, e che ora condivido qui con tutti gli appassionati di Storia e Arte, e sopratutto di questo intrigante connubio. Un’ora e mezza di suggestione! Buona visione!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.