Il Santuario di Sant’Oronzo a Ostuni

In un luogo d’incanto, sorge un luogo di culto che celebra forse il santo per eccellenza della tradizione di Terra d’Otranto, Sant’Oronzo. Siamo sulle oniriche colline di Ostuni, e il paesaggio riconcilia il viaggiatore con se stesso e l’ambiente naturale circostante.

Il culto è antichissimo, ma scarsamente documentato nell’antichità. A causa delle alterne e drammatiche vicende storiche dell’intero territorio pugliese, segnato dalle numerose invasioni barbariche e conseguenti distruzioni, la memoria e il culto per il primo vescovo leccese si andò sempre più affievolendo, senza comunque spegnersi del tutto, visto che di esso rimase traccia in alcuni documenti (come ad esempio il “diploma di Tancredi” del 1181), nella fiera di Sant’Oronzo, che si svolgeva a Lecce, da tempo immemorabile, nei pressi della Porta San Giusto, nell’ultima domenica di agosto, in ricordo del Martirio di Sant’Oronzo avvenuto poco fuori la città, nel luogo dove pure sorse un santuario (vedi).

Il Santuario fu innalzato nella seconda metà del XVII secolo, dagli abitanti di Ostuni come segno di ringraziamento, per aver salvato la città dalla peste.

La semplicità della facciata del tempio ben riassume le caratteristiche di essenzialità che caratterizzano l’intero complesso architettonico.

L’interno è ad aula unica, voltata a botte, e sarebbe la grotta che accolse il santo durante il suo peregrinare.

Qui si trova un affresco, ormai poco leggibile, raffigurante Sant’Oronzo insieme alla Madonna e a san Giovanni Battista, inglobato poi nel Settecento all’interno di un altare di marmo.

Nel Settecento fu costruita questa monumentale scalinata, percorsa in ginocchio dai devoti, che portava all’edicola votiva, dalla quale sgorga un’acqua ritenuta miracolosa.

La statua del Santo è opera di Orazio Greco (1836), celebre autore della guglia di Ostuni

Accanto alla chiesa sorge l’ex edificio del Seminario, sormontato da un grande campanile a vela.

Chiunque visiti queste colline non può che restare coinvolto dalla bellezza del paesaggio e l’aura sacra che si respira. E non mancherà di visitare altri luoghi che si trovano qui vicino…

…come la “Grotta dei Millenari”… (vedi qui reportage)

..o la grotta di Agnano, sede della sepoltura della più famosa mamma della preistoria (vedi qui reportage)

…oppure un altro santuario celebre di questo territorio, quello di San Biagio (vedi qui reportage). In ogni caso, ovunque sceglierete di andare, vi troverete in un luogo da sconsigliare ai malati d’infinito!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Santuario di Sant’Oronzo a Ostuni

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.