Il Museo Etnografico Alfredo Majorano di Taranto

Il centro storico di Taranto ospita fra le sue meraviglie il Museo Etnografico “Alfredo Majorano”, situato nel settecentesco Palazzo Pantaleo. E’ uno scrigno di storia assai interessante, perchè apre squarci di vita e storia “minima” che ci calano ancora meglio nella realtà della vita di allora. Spaccati popolari, tradizioni, arti, mestieri, esorcismi.

E’ una pregevole raccolta opera dello studioso Alfredo Majorano (1902-1984) e di sua moglie, Elena Spinelli. Il materiale fu poi donato al Comune già a partire dal 1978 ed ha come filo conduttore la ritualità magico-religiosa nel territorio tarantino.

Il museo è un importante contenitore di documentazioni del patrimonio culturale immateriale, visto che custodisce le ricerche antropologiche del Majorano, come alcune registrazioni di canti, danze e musiche legate al fenomeno del Tarantismo, che generalmente ci porta a pensare al solo territorio che riguarda Galatina. Il fenomeno fu invece assai più complesso e riguardava tutta la Terra d’Otranto…

Il Museo Etnografico Alfredo Majorano di Taranto

…ed il suo “esorcismo” più famoso… quello contro il ragno (vedi qui).

Il Museo Etnografico Alfredo Majorano di Taranto

Si trovano interessanti documenti…

…nei cui disegni compare appunto tutto il Salento…

…gli spartiti musicali…

Il Museo Etnografico Alfredo Majorano di Taranto

…le parole, i canti…

…offrendo uno spaccato completo…

Il Museo Etnografico Alfredo Majorano di Taranto

Il Museo mostra comunque molto altro…

…storia e artigianato si confondono insieme…

…assieme ad una serie di tele ottocentesche che mi sono sembrate molto interessanti, in quanto riportano avvenimenti accaduti realmente, e sorvolati da un alone mistico e miracoloso…

In questa tela, per esempio, si narra (con tanto di nomi e cognomi posti sul margine inferiore) di un gruppo di persone che “venivano miracolosamente salvati da un vortice d’aria dietro l’isola di San Pietro”, davanti a Taranto.

Qui sopra invece l’altro miracolo avvenne nel 1889, quando il repentino crollo di Palazzo Imperio non arrecò alcuna vittima alla città.

E poi, altri prodigi, rimasti nella memoria cittadina…

Il Museo detiene anche un’importante collezione di ceramiche storiche, tutte da ammirare!

Il museo è stato a lungo diretto da Alberto Mario Cirese, uno dei più importanti studiosi delle tradizioni popolari italiane, seguito poi dal prof. Antonio Basile. Consiglio vivamente una visita a tutti gli appassionati di storia del territorio, sul sito del Comune di Taranto troverete tutti gli orari e le informazioni (CLICCA QUI). E non perderete l’occasione di un’altra passeggiata in questa straordinaria città!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Il Museo Etnografico Alfredo Majorano di Taranto

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.