Guida al Salento Ebraico

“Guida al Salento Ebraico”, di Fabrizio Ghio e Fabrizio Lelli (Capone Editore) non è un semplice libro, ma come accade coi testi generosi ed esaustivi un vero e proprio viaggio, alla scoperta del mondo preso in esame, in questo caso il Salento Ebraico, un mondo perduto eppure ancora oggi così vivo e ricco di storia.

Così recita la prima pagina. “Immaginiamo un viaggiatore medievale in Puglia. Un pellegrino ansioso di imbarcarsi per la Terra Santa o un mercante in affari con l’Oriente. Un ebreo o un cristiano. Certamente cercherà ospitalità in uno dei numerosi porti e ancor prima nelle città lungo la via Appia, sul tracciato di quella strada che ancora a tanti secoli di distanza dalla sua creazione in età romana restava il principale asse viario tra Europa e Oriente mediterraneo.

Troverà accoglienza presso fratelli di fede, ammirerà i luoghi della sua tradizione e condividerà le proprie usanze coi locali, scambiando esperienze che rimarranno per sempre nella sua memoria. Al suo rientro metterà per scritto ricordi che consentiranno ad altri pellegrini o mercanti di seguire il suo stesso percorso, approfittando delle sue conoscenze. Alla fine del XII secolo, Binyamin da Tudela, dalla sua terra natale nella penisola Iberica, si spinse in oriente e descrisse il suo lunghissimo viaggio in un libro destinato a restare una guida insuperabile per gli ebrei medievali. Binyamin dedica spazio alla Puglia e descrive sinteticamente ciò che ha osservato:

A due giorni (di viaggio da Benevento) si trova Melfi, in Terra di Puglia, cioè terra di Pul, ove vivono circa duecento ebrei con a capo rabbi Ahima’àtz, rabbi Natàn e rabbi Yitzhàk. Da Melfi in un giorno di cammino si giunge ad Ascoli: vi risiedono una quarantina di ebrei. In altri due giorni di cammino si arriva a Trani, situata sulla riva del mare. In virtù dell’agio del suo porto, Trani è luogo di congregazione di tutti i pellegrini diretti a Gerusalemme. E’ una città grande e bella, abitata da circa 200 ebrei. S un giorno di cammino c’è Nicola da Bari, la grande città distrutta dal re Guglielmo di Sicilia. Il luogo ora è in rovina e non vi risiedono nè ebrei nè cristiani. Da qui occorre un giorno e mezzo per giungere a Taranto, che fa parte del Regno di Calabria. E’ una grande città, abitata da greci e da circa 300 ebrei. Un giorno di cammino separa Taranto da Brindisi, situata sulla riva del mare, la città accoglie una decina di tintori ebrei. In altri due giorni si giunge a Otranto, sulla riva del mare greco. Vi risiedono circa 500 ebrei”.

Oggi, a distanza di tanti secoli, si può ancora fare un viaggio in quel mondo lontano, anche grazie a questo libro…

…che ripercorre, attraverso testi e fonti storiche, tracce architettoniche e sinagoghe superstiti, luoghi intrisi di memoria in tutto il Salento, tutta questa lunga storia che fa parte di noi. Tutto ruota attorno a Palazzo Personè (Lecce, proprio accanto alla sontuosa chiesa di Santa Croce), dove oggi è il Museo Ebraico (che abbiamo già visitato un altra volta, vedi QUI), situato sul luogo dell’antica sinagoga leccese, un luogo che invito tutti a vedere dal vivo. E’ il punto di partenza da cui iniziare il viaggio nel Salento ebraico e che certo vi lascerà piacevolmente coinvolti!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Guida al Salento ebraico

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.