Fra le meraviglie della Polinesia Francese

Pacifico meridionale, l’arcipelago della Polinesia francese. Centodiciotto isole di origine vulcanica o corallina, che formano un paradisiaco avamposto europeo in mezzo all’Oceano. L’arcipelago è formato dalle isole della Società, suddivise in Isole del Vento (Tahiti, Monreale, Maiao e Mehetia) e del Sottovento (Mauritius, Raiatea, Tupaye e, soprattutto Bora Bora,

considerata una delle località più belle al mondo, una vera gemma incastonata nel Pacifico). La Polinesia francese è nota per le spiagge bianche, incantevoli lagune, acque turchesi, meravigliose barriere coralline, popolazione semplice ed ospitale, incredibile fauna marina e lussureggiante vegetazione (i fiori di ibisco, in particolare, sono usati per ornare i capelli di uomini e donne, o, intrecciati, per realizzare corone da regalare anche agli ospiti stranieri).

Fra le meraviglie della Polinesia Francese

La coltivazione di perle occupa circa 7 000 persone e i principali importatori sono il Giappone e la Cina. È anche diffusa la lavorazione del legno. Queste sono le principali attività economiche, oltre al turismo.

La Polinesia Francese ha ispirato scrittori come il britannico Robert Louis Stevenson e pittori come Gauguin, che scelse queste isole come seconda patria, e dove trascorse gli anni più importanti della sua carriera.

Fra le meraviglie della Polinesia Francese

Nei tempi antichi tutto era manifestato dalla danza a ritmo di tamburo, per dare il benvenuto, per dire addio, per onorare o ringraziare gli dei, o semplicemente dimostrare la gioia o il piacere di vivere.

Gli abitanti della Polinesia costruiscono varie statue di legno chiamate Tiki, che si ispirano a motivi tradizionali o simbolici.

Gli incredibili colori che offre la natura di queste isole, la sua pace, il ritmo della vita rallentato, sono per il viaggiatore occidentale un vero toccasana…

…è il posto ideale di chiunque cerca una pausa, un momento ricreativo per le proprie energie, sopratutto psichiche.

Queste isole sono però famose anche per i suoi sorprendenti siti archeologici…

…luoghi dove si effettuavano riti dedicati al dio Oro, un signore della guerra…

…dove grandi massi megalitici venivano assemblati un pò come le culture occidentali dei dolmen e dei menhir, o lavorati e incisi, per motivi che in parte sfuggono ormai ad una comprensione certa. Un viaggio, certamente, da fare, per chiunque ne abbia la possibilità. Ed io ringrazio di cuore l’amica Adele Quaranta, che mi ha concesso le foto del suo viaggio, permettendomi di spiare, e chi legge con me, nella natura di luoghi unici al mondo.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Fra le meraviglie della Polinesia Francese

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.