La cripta e il tunnel di Roca Vecchia

Roca Vecchia non smette mai di sorprendere, ci si può tornare a distanza di poco tempo e si apprendono nuovi aspetti, particolari nascosti, avvolti nel loro silenzio di pietra, saltano fuori cripta e ipogei, tunnel misteriosi e inaspettati.

Questo mi è successo all’ennesima visita. Cominciamo dalla cripta, situata a ridosso delle onde, che si incontra lungo la via per la torre di guardia, semi nascosta ad uno sguardo dal sentiero battuto.

roca vecchia

cripta di roca

L’ingresso è ricavato nella roccia, si accede da una scalinata, anch’essa scolpita. Ovunque si vedono le piccole nicchie che erano senz’altro atte a contenere le candele per l’illuminazione notturna. A prima vista, un tipico accesso alla classica cripta eremitica di cui è pieno il Salento tutto.

IMG_6140

L’interno pure conserva il classico impianto di una chiesa rupestre, ma non c’è traccia di affreschi. O forse, vista la posizione sul mare, con le onde che non faticano a schizzare dentro, sarebbe stato troppo pretendere che si fossero conservati.

IMG_6141

IMG_6151

Ci sono più aperture, più o meno piccole, che si danno al mare, ma probabilmente in origine non c’erano. La sola presenza che si possa ricondurre al culto è la croce seguente, incisa su una parete. Non c’è nessun altro graffito.

IMG_6153

Un luogo comunque suggestivo. Trasmette tutta la serenità per la quale sarà stata costruita. In più di un angolo, sempre scolpiti delle pareti, si aprono come dei giacitoi. Se non era una cripta atta al culto, certamente era un riparo eremitico.

IMG_6155

Ma adesso torniamo indietro, nella piccola e bellissima baia che si apre verso la spiaggia. I calimeresi, da sempre frequentatori di questo lembo di costa (come abbiamo appreso leggendo i libri di Rocco Aprile), lo chiamano portuligno.

portuligno

Ebbene, appena entrati in questo incantevole specchio d’acqua, subito ci attrae una cavità, sulla sinistra, che a ben guardare si vede subito come non sia naturale…

IMG_6171

Avvicinatisi la curiosità è ancora più forte. Il tunnel si presenta lunghissimo, perfettamente scavato, e all’ingresso molto basso…

IMG_6172

…per proseguire bisogna camminare quasi a quattro zampe, fino ad una apertura, che si apre di nuovo al cielo…

IMG_6175

Da qui in poi, il tunnel continua, la luce si affievolisce, anche se si vedono altri fori sopra al soffitto. La lunghezza appare smisurata, centinaia di metri. Ed a questo nuovo tunnel si accede da un vano che una volta doveva essere sbarrato, visto che si intravedono i cardini di un grosso portone…

IMG_6179

IMG_6180

Il tunnel è buio pesto. Sorprende la precisione con cui è stato scavato. A quando risale? Non ho trovato ancora fonti. E di tracce all’interno della cavità, solo questo graffito. Forse un lavoro d’epoca fascista?

IMG_6195

L’unica traccia che ho trovato è un racconto che si tramanda oralmente fra gli anziani, e dice che questo passaggio collega il cosiddetto castello di Acquarica di Lecce, costruito da Giangiacomo dell’Acaya, con Roca. Non resta che scoprirlo!

IMG_6194

Dall’imboccatura della grotta alla spiaggetta all’interno del tunnel, sono circa 80 metri. Poi, inizia il resto della galleria, che comincia lentamente a stringersi. L’acqua supera le caviglie, e appare pulita, non c’è traccia di odori, quindi non si tratta di liquami di scolo.

roca vecchia tunnelQuesto tunnel, come ambiente, mi ricorda l’acquedotto del Triglio, a Statte, che in epoca romana giungeva fino a Taranto, dopo i suoi primi chilometri sotterranei (foto sotto).

triglio

Ad intervalli irregolari, sul soffitto si aprono dei pozzi, che evidentemente collegavano con l’esterno, ma che sono quasi tutti murati, anche se un raggio di luce riesce sempre a penetrare…

pozzi

…grazie al mio faro ed a questi bagliori, dopo aver percorso altri cento metri, ancora non si intravede minimamente la fine dello scavo… purtroppo sono giunto davanti ad una piccola colonia (almeno, quella che si vedeva) di pipistrelli. Sapevo che non si possono disturbare, e poi, infastiditi dal mio faretto, andavano su e giù verso di me, per poi tornare indietro, e non sapendo se volessero attaccarmi sono tornato indietro. Sono riuscito però a realizzare il seguente filmato…

Tornato in superficie, osservando verso l’interno, nelle campagne, nella direzione dove corre il tunnel, si intravedono diversi pozzi, che quasi in linea retta si perdono nell’entroterra. E’ una grande opera di scavo, di cui vorrei risalire alle origini e funzioni… quindi la ricerca non finisce qui!

IMG_6203

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

La cripta e il tunnel di Roca Vecchia

 

3 comments to La cripta e il tunnel di Roca Vecchia

  • simone  says:

    Il tunnel conduce ad un piccolo stagno d’acqua dolce nelle campagne dell’entroterra presso una specie di vivaio abbandonato

  • Daniela  says:

    avevo tentato di “esplorare” il tunnel già nel 2008, durante una delle mie vacanze in Salento, ma essendo una semplice turista e non avendo nè faretti nè altra attrezzatura mi sono fermata alla prima “stanza”…immaginavo il tunnel infinito e non conoscendone nulla mi ha letteralmente entusiasmato il video che è stato riportato nell’articolo…grazie…

    • salentoacolory  says:

      Grazie per l’attenzione, Daniela, sto continuando a studiare quel tunnel, appena possibile il reportage continuerà… in maniera sorprendente!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.