Creta, il Palazzo di Cnosso

Se dovessi accompagnare un turista che arriva da un altro pianeta, per fargli conoscere le origini della civiltà in questo mondo, lo accompagnerei nel Mediterraneo ed una delle prime tappe sarebbe l’isola di Creta, e il leggendario palazzo di Cnosso.

Fu un importante centro della civiltà minoica, attorno al quale nacquero alcuni dei più emblematici miti della cultura Greca, come quello del re Minosse e il labirinto costruito da Dedalo. Ma anche quello di Teseo e il Minotauro, la cui leggenda racconta che Minosse abbia fatto costruire un labirinto per chiuderci dentro il Minotauro, un essere mostruoso nato dall’unione di sua moglie con un toro. Questa creatura aveva la testa di toro e il corpo di uomo. Ogni anno bisognava dare 7 fanciulli e 7 fanciulle in pasto al Minotauro nel labirinto.

cnosso creta

Il palazzo di Cnosso costituiva il centro politico, religioso ed economico dell’impero marittimo minoico e possedeva inoltre un carattere sacro. Il palazzo ricopriva una superficie di 22.000 m2, era costruito su più piani, con una pianta molto complessa e intricata. Pare potesse ospitare fino a 12.000 persone e conteneva 1.300 stanze, sale per il culto e per i ricevimenti, gli alloggi del re, della regina e dei funzionari dell’amministrazione.

Questo ambiente è riconosciuto come la sala del trono di Minosse.

Qui sopra, il trono anatomico del re Minosse, in pietra.

Copia di legno dell’originale trono di Minosse in pietra.

Particolare di un corridoio, con la celebre scena del toro e i ginnasti. A Cnosso vi era una fiorita cultura degli affreschi. I cretesi dipingevano sulle pareti del palazzo con la classica visione di profilo, tipica dell’arte egizia. Il motivo di questa particolare tecnica rappresentativa è la causa dei continui scambi commerciali e culturali tra la civiltà cretese e quella egizia. I muri erano ricoperti da intonaci affrescati con soggetti marini, combattimenti con tori e motivi geometrici. Per la prima volta le immagini non erano usate per rappresentare concetti e simboli come nell’arte egizia, ma per abbellire i luoghi di vita. Il rapporto dei cretesi con la natura, specie quella marina, è testimoniato dalla pittura e dall’arte scultorea. La religione cretese infatti attribuiva caratteri divini ad alcuni animali, come il toro e il serpente, che costituivano perciò il soggetto privilegiato delle pitture.

Come non “vedere” il toro, nell’immagine qui sopra

Particolare del palazzo sono i famosi bagni degli appartamenti della regina che, secondo studi approfonditi, sarebbero i più avanzati di tutta l’antichità, con canalizzazioni sotterranee, fogne, canali di scarico, acqua calda sempre disponibile. Infine si pensa che il palazzo di Cnosso sia stato ubicato proprio in quella posizione perché nei pressi del monte Ida, il luogo dove era vissuto il padre degli dèi, Zeus.

Qui sopra, il primo teatro europeo: non a forma semicircolare ma quadrata, al centro sulla pedana il palco reale.

Zone di stoccaggio delle merci.

Grazie di cuore alla cara amica Pasquina Cuzzupè, guida turistica di eccezionale spessore (da lei viene qualche notizia che ho incluso, assieme a quelle della pagina wikipedia), per le sue fotografie che ho potuto qui condividere con tutti voi: questo sito è un patrimonio dell’Umanità.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Viaggio a Cnosso

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.