I Comuni brindisini fra le Murge e l’Adriatico

A cavallo fra la Valle d’Itria e il mare Adriatico si estende un territorio verdeggiante e ricco di sfaccettature, di bellezze naturali e autentici tesori e culturali. Qui si ergono, sulla loro collina posta sulle Murge, tre pilastri della storia del Salento: CEGLIE MESSAPICA, Cisternino e Fasano. Ceglie è  una delle più antiche città dell’intera Puglia. Si sviluppa arroccata attorno al suo castello, in un dedalo di viuzze e piccole case, rimaste identiche all’impianto medievale…

murge

Castello

2

Castello

3

Dipinto sotto un’arcata del centro storico

4

Centro storico, particolare

5

Centro storico, scorcio

6

Chiesa matrice

11

Castello

Il Castello risale ad epoca normanna, come dimostra lo stile della torre più antica, datata intorno al 1100. A ridosso di questa torre si conserva un pozzo, a cui gli abitanti del borgo ricorrevano durante i periodi di arsura. Durante il 1500 il maniero si è ingentilito, diventando un palazzo nobiliare.

13

14

15

16

La chiesa matrice sorge sulla vecchia acropoli, è dedicata alla Vergine Assunta e risale ai primi del 1500. L’interno custodisce svariate opere d’arte…

19

20

21

22

23

24

L’intero borgo vecchio è da visitare, non solo per i suoi monumenti ma anche per apprezzare la famosa cucina tradizionale di Ceglie, la cui genuinità conquista ogni anno un grande numero di turisti.

25

26

27

28

Chiesa di San Gioacchino

32

Spoglie di S. Aurelia, Vergine e Martire (Convento dei Padri Passionisti).

abbazia di santanna

Abbazia di S.Anna (sorta nel IX secolo, sopra un tempio pagano).

della grotta

Chiesa Madonna della Grotta

33

Trulli del paesaggio di Ceglie

34

Trulli del paesaggio di Ceglie

La città ospita un interessante Centro di documentazione archeologica, incentrato sulla cultura messapica, ma con delle sezioni dedicate anche ad altri periodi storici.

35

36

37

39

40

41

42

CISTERNINO. Murgia dei Trulli. Come da un balcone su un’incantevole vallata, si affaccia uno dei 100 Borghi più belli d’Italia, il cui centro storico è un eccezionale documento di “architettura spontanea” fra i più particolari. La chiesa matrice di San Nicola, costruita durante il 1300, poggia le fondamenta su un precedente insediamento basiliano, di cui recentemente si sono riportate alla luce le tracce…

1

2

Chiesa matrice, Madonna del Cardellino, opera di Stefano da Putignano.

3

4

5

6

7

8

9

10

Sotterraneo della chiesa matrice (insediamento basiliano).

11

12

13

14

15

Poco fuori il centro storico sorge l’interessante Santuario della Madonna d’Ibernia, all’interno di un contesto da cui sono emerse testimonianze bizantine e altomedievali…

23

24

25

26

La chiesa di Santa Maria di Costantinopoli si proprio sulla Valle d’Itria, e al suo interno conserva un affresco della Vergine Odegitria, a cui i viandanti che si apprestavano ad attraversare la pericolosa Valle, facevano visita per richiedere protezione. Il monumento presenta varie peculiarità, fra cui, sul retro, un letto di pietra che pare servisse a sistemare i morti prima della sepoltura…

16 da tagliare

17 da tagliare

18 da tagliare

19

20

21

Una passeggiata nel centro storico di Cisternino s’impone, per tutti i visitatori di questo borgo, anche per apprezzarne la gastronomia…

27

Torre Normanno Sveva

29

30

32

33

34

35

37

38

39

41

42

44

Resti delle fortificazioni del borgo antico

45

Scorcio sulla Valle d’Itria

46

Ripiegando verso il mare si giunge a FASANO. Fondata nel 1088 da popolazioni di Egnazia che abbandonavano l’antica città messapica per effetto delle invasioni di predoni d’ogni tipo, la città sorge ai piedi delle colline delle Murge. Il suo territorio conserva ovunque tracce di storia, nelle lame, con numerosi villaggi rupestri (sorti anch’essi per effetto dell’abbandono di Egnazia), nelle campagne,con bellissimi esempi di masserie fortificate, nel suo stesso centro storico, tipico delle città del sud…

1

Una delle 11 torri che circondavano insieme alle mura l’antico borgo

2

Chiesa matrice

3

4

5

6

7

8

9

10

11

Tempietto di Seppannibale

12

Tempietto di Seppannibale, interni

13

14

15

16

17

Chiesa di San Pietro in Ottava

18

Chiesa di San Pietro in Ottava, interni

19

SAMSUNG

La Chiesa, adiacente alla torre di difesa della masseria

21

Santuario Madonna di Pozzo Faceto

22

Santuario Madonna di Pozzo Faceto, interni

23

24

25

26

27

Masseria Salamina

28

Dolmen di Montalbano

29

Egnazia, parco archeologico

30

Egnazia, resti del porto

33

Egnazia, tombe a camera

34

Egnazia, necropoli

32

Egnazia, museo archeologico

31

Egnazia, museo archeologico

Fra arte, cultura, storia, archeologia e gastronomia, un intero territorio da visitare e da gustare. Questa piccola galleria fotografica (in costante aggiornamento) ne è un piccolo assaggio!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

I Comuni brindisini fra le Murge e l’Adriatico

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.