Viaggio nella Cina antica e fascinosa

Un viaggio in Cina del mio amico fraterno Ottavio Carbone, raccontatomi via whatsapp dall’altro capo del mondo, è diventato un bellissimo e fresco reportage che forse meglio del più classico racconto riesce ad emozionare il viandante del web che ora capita su questa pagina.

La passeggiata parte da Changsha (長沙, 长沙 Chángshā, Chang-sha), capoluogo dell’Hunan, una provincia della Cina centro meridionale. Una megalopoli che copre un’area di 11.819 chilometri quadrati, con una popolazione di 6.017.600 (nel 2003) di abitanti. Precisamente dal Changsha Museum, nella sezione di Storia della città.

Il Museo mostra un’impressionante sequenza di ricostruzioni scientifiche del passato di questa terra…

La città è bagnata dal Xiangjiang, il maggiore affluente del fiume Yangtze, che storicamente ha sempre avuto grande importanza per lo sviluppo della regione…

Le ricostruzioni degli scambi commerciali che avvenivano lungo il fiume sono eseguite con la perizia dei migliori presepi Napoletani!

Gli studiosi hanno trovato molti siti archeologici del medio e tardo neolitico a Changsha. Essi, ampiamente distribuiti tra montagne e fiumi, appartengono a diversi periodi, a testimonianza che il territorio fu abitato sempre ed ininterrottamente. L’agricoltura primitiva era incentrata sulla raccolta del riso, la zootecnia incentrata sulla produzione della ceramica e sulla tessitura, e grazie a queste attività si sviluppò ininterrottamente il progresso di questa antica civiltà.

Viaggio nella Cina antica e fascinosa

Frammenti di vasellame e utensili vari. La vallata in cui sorge Changsha, attraversata da un fiume enorme, sembra abbia restituito testimonianze della presenza dell’uomo risalenti già a 150.000 – 200.000 anni fa.

L’abitato è cresciuto nei secoli…

…diventando un’imponente città fortificata.

Qui sopra, un plastico che rappresenta la citta’ come si presenta oggi! Una sterminata selva di grattacieli.

Una ipotetica ricostruzione di Changsha su come poteva apparire durante una delle iniziali fasi storiche. Ricorda molto lo schema usato dai Romani.

Qui siamo presso l’Hunan Provincial Museum, che raccoglie un po’ di storia di questa provincia Cinese. Sembrerebbe che nel 1972 fu scoperto un complesso di tombe interrate contenente le sepolture di tre personaggi della stessa famiglia: il governatore di questa regione, la moglie ed il figlio. Le tombe non erano state mai profanate. Fu una scoperta sorprendente per lo sterminato numero di oggetti ritrovati in ottimo stato di conservazione. Fu attirata l’attenzione dei media internazionali e furono chiamati i migliori archeologi cinesi per la campagna di scavo.

Qui sopra, una ricostruzione di una delle tombe all’interno del museo. Per renderci conto delle dimensioni della tomba, questa foto e’ stata fatta dal terzo piano dell’edificio, e si notano le persone al suo interno.

Qui sopra, la parte terminale della tomba che si vedeva dal terzo piano, con le persone attorno che camminano.

Parte del corredo funebre che comprendeva anche gli attrezzi per fare i liquori, tutto l’occorrente per la toilette (profumi, pettini, sapone). Perfino, una batteria di pentole e vasellame vario.

Il viaggio del mio amico Ottavio prosegue, toccando aspetti della vita della Cina di ogni giorno, in particolare è stato ospite di un medico che pratica medicina tradizionale cinese. Questo è il suo studio.

In casa hanno una stanza dedicata esclusivamente alla preparazione del tè.

Nella stessa stanza uno scaffale contiene le teiere e le diverse varietà di tè. Questi blocchi incartati contengono “panetti” di tè.

La moglie del medico gli ha mostrato il giardinetto con le verdure che coltivano.

Nella sala dove vengono ricevuti gli ospiti, non può mancare una riproduzione della Grande Muraglia!

Il mobilio con le immancabili pietre di Giada.

Ed ecco qui, il domus con moglie e figlio, che ha giusto da poco iniziato l’Università per seguire le orme del padre. Anche lui studierà Medicina Tradizionale Cinese!

La visita è proseguita in un luogo dove è stata ricreata una città tipica del periodo della dinastia Han. Incredibile la minuziosità nel ricreare gli ambienti. Qui sopra, una delle porte di accesso…

…i soldati di ronda sulle mura…

…un’edicola votiva…

…un’aula scolastica…

…gli scaffali coi libri…

…libri fatti di listarelle di bambu’ che si srotolano…

I tamburi posti sulle mura della città che venivano usati per avvisare la popolazione in caso di imminente pericolo.

Tutto ruota attorno alla figura di questo combattente-eroe della Dinastia Han.

Queste ragazze sono di una minoranza etnica cinese (etnia Hu). In Cina si riscontrano tantissime e diverse caratteristiche somatiche, rispetto alla etnia Han (gruppo maggioritario in tutta la nazione). La loro bellezza e semplicità è disarmante.

Ringrazio di tutto cuore il caro amico Ottavio Carbone per questo reportage: con lui ci dilettavamo assieme già alla fine degli anni 80 del Novecento a studiare e scoprire realtà di mondi lontani. Sono certo che anche chi avrà letto questo articolo sarà rimasto contento!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Viaggio nella Cina antica e fascinosa

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.