Tesori abbandonati del Salento

Le campagne del Salento sono purtroppo un ricettacolo di importanti testimonianze storiche, veri e propri tesori abbandonati, ricolmi di ortiche e rovine, che potrebbero ancora raccontare qualcosa del passato di questa terra, se riportati a dignità di attenzione. In questo breve percorso, a salti, da un luogo all’altro della penisola, metto insieme qualche testimonianza di attente passeggiate nella solitudine.

Fra le cose che mi sento di segnalare è un monumentale dolmen, collassato su se stesso, che si trova nei pressi del più noto dolmen “Li Scusi”, in agro di Minervino…

tesori abbandonati 1

…la grande lastra che lo sormontava si è rotta in più punti…

tesori abbandonati 2

…alle sue spalle, se ne può vedere una parte consistente, non ancora invasa dalle erbacce…

tesori abbandonati 3

…e quello che sembra proprio il classico foro, lavorato, posto in origine sul “tetto” del monumento…

tesori abbandonati 4

…ma quello che risalta ancora di più all’occhio è una sorta di corridoio, il dromos di accesso che conserva ancora intatto il dolmen di Bisceglie, che ancora si intravede, accompagnato da qualche cumulo di pietre informi…

tesori abbandonati 1

Il Salento è pieno di strutture conventuali cinquecentesche oggi ridotte praticamente a ruderi… qui siamo ad Acaya…

tesori abbandonati 2

…la cittadella fortificata aveva anche un convento francescano…

convento acaya

tesori abbandonati 3

tesori abbandonati 4

tesori abbandonati 5

tesori abbandonati 6

Il convento si trovava alle spalle di questa torretta, quindi era proprio a ridosso delle mura cittadine.

tesori abbandonati 1

Le campagne salentine sono disseminate anche da tantissime edicole votive, la maggior parte purtroppo rimaneggiate o senza più l’affresco…

tesori abbandonati 2

…come questa, monumentale, situata in agro di Giuggianello…

tesori abbandonati 1

…ed anche molte cappelle, come questa, posta lungo la strada che dalla Maglie-Santa Cesarea si indirizza verso Ortelle…

tesori abbandonati 2

…qui, gli affreschi ci sono ancora, ma la piccola volta a botte si è ormai gravemente lesionata…

tesori abbandonati 3

…il crollo non sembra lontano, purtroppo…

tesori abbandonati 4

tesori abbandonati 1

Nella serie dei conventi abbandonati, anche quello di Strudà…

tesori abbandonati 2

…che in paese chiamano “lu cumentu”…

tesori abbandonati 3

…purtroppo di questa struttura, non mi hanno saputo dire nemmeno il nome…

tesori abbandonati 4

1

Trepuzzi aveva il suo Convento di Sant’Elia, costruito nel 1575 per i frati Cappuccini…

SAMSUNG

…sorse su un precedente insediamento monastico, molto più antico, di cui si intravede la cripta, oggi inaccessibile…

SAMSUNG

…di cui sono riuscito a rubare queste due immagini calando il braccio con la macchinetta fotografica all’interno di una piccola botola… recentemente si tentò di restaurare, ma il complesso è ancora in stato di abbandono.

tesori abbandonati 1

Nelle campagne fra Vernole e Pisignano, nel mezzo dell’oliveto, sorge un connubio di natura e architettura rurale molto interessante…

tesori abbandonati 2

…sembra una vora, uno di quei sprofondamenti naturali del terreno che si incontrano spesso verso il Capo di Leuca… è stata circondata da un provvidenziale muretto a secco…

tesori abbandonati 3

…tranne che nel suo piccolo accesso, a cui si arriva tramite un corridoio scavato nel banco roccioso… era forse stata utilizzata per convogliare le acque piovane?…

tesori abbandonati 4

…è molto grande, e non c’è modo di fotografarla per intero… ed è ricolma di spazzatura… il simbolo di questo piccolo viaggio nella bellezza ferita di questo territorio…

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Tesori abbandonati del Salento

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.