Taranto, TesOri Clandestini in Mostra

Taranto, caposaldo della Magna Grecia in Italia, invita il mondo alla visita della mostra “TesORI clandestini – dal saccheggio alla valorizzazione”. Dal febbraio 2019, presso il Chiostro di San Domenico, tutti noi abbiamo la possibilità di ammirare una lunga serie di reperti archeologici, risultato di confische a favore del MiBAC, intervenute al termine di attività di indagine condotte, negli anni, dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.

Spiccano i venti reperti ceramici scelti tra quelli della “Collezione Becchina”, una ricchissima collezione di oltre 3000 reperti recuperati in Svizzera e un anello-sigillo in oro risalente al periodo bizantino. E’ un risultato tangibile dell’importanza della sinergia istituzionale tra il Ministero per i beni e le attività culturali e l’Arma dei Carabinieri, allo scopo di meglio tutelare il patrimonio culturale nazionale ed evitare la sua alienazione e distruzione.

taranto, mostra tesori clandestini

Taranto, the cornerstone of Magna Graecia in Italy, invites the world to visit the exhibition “Clandestine treasures – from plunder to exploitation”. From February 2019, at the Cloister of San Domenico, all of us have the opportunity to admire a long series of archaeological finds, the result of confiscations in favor of the MiBAC, which took place at the end of investigative activities conducted over the years by the Carabinieri Heritage Protection Command Cultural. The twenty ceramic finds chosen among those of the “Becchina Collection” stand out, a very rich collection of over 3000 finds recovered in Switzerland and a gold seal ring dating back to the Byzantine period. It is a tangible result of the importance of institutional synergy between the Ministry of Cultural Heritage and Activities and the Carabinieri, in order to better protect the national cultural heritage and avoid its alienation and destruction.

taranto, mostra tesori clandestini

Tra le figure mitologiche che spiccano sui vasi, risalta quella dell’eroe Bellerofonte, a cavallo del divino Pegaso (foto sotto).

Among the mythological figures that stand out on the vases, that of the hero Bellerofonte stands out, straddling the divine Pegaso (photo below).

Ringrazio di tutto cuore la Soprintendenza per aver allestito questa mostra (le notizie qui riportate sono tratte dai pannelli informativi della mostra stessa) ma anche le forze dell’ordine, che col loro lavoro salvano tutto ciò che è possibile salvare dal mercato nero e dalla distruzione della nostra memoria storica. Entrambi, lavori di cui i nostri figli e le future generazioni, non possono fare a meno. Invito tutti voi che avete visitato questa pagina ad andare di persona, al chiostro dei Domenicani di Taranto: l’esperienza sarà tutta un’altra cosa!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Taranto, TesOri clandestini in mostra

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.