Scorrano e la sua Santa Domenica

Scorrano e la sua Santa, un amore che è nato relativamente tardi nel corso della Storia, risale al 1600, anche se l’intensità di questo sentimento sfiora liriche difficilmente raggiungibili altrove. Tuttavia, la nascita di questa città risale a molto tempo prima che gli scorranesi incontrassero Santa Domenica.

Questo territorio era abitato fin dalla preistoria, come dimostrano i menhir rimasti da allora infissi sul limitare del paese…

menhir cupa 1

I menhir denominati “Cupa” 1 e 2…

menhir cupa 2

La civiltà ha sempre avuto qui un insediamento, anche in epoca romana. Ma è durante il medioevo che Scorrano si sviluppa appieno.  Entriamo in città da Porta Terra, l’unica sopravvissuta dell’originaria cinta muraria, che risaliva al 1400…

IMG_0593

IMG_0595

scorrano

La torre dell’orologio.

IMG_0597

La chiesa matrice di Santa Domenica risale agli ultimi anni del 1400. Custodisce le effigie della Santa, e varie tele e altari barocchi di grande pregio.

IMG_1766

Chiesa matrice di Santa Domenica, interni.

IMG_1770

Chiesa matrice di Santa Domenica, interni.

IMG_1772

Chiesa matrice di Santa Domenica, interni.

IMG_1782

Chiesa matrice di Santa Domenica, interni.

IMG_1794

Chiesa matrice di Santa Domenica, interni.

IMG_5501

Chiesa matrice di Santa Domenica, interni.

IMG_5502

Chiesa matrice di Santa Domenica, interni.

IMG_5511

Chiesa matrice di Santa Domenica, interni.

Santa Domenica

L’altare di Santa Domenica addobbato nel periodo della festa.

chiesa degli agostiniani

Anche la chiesa di San Francesco d’Assisi, nota anche come degli Agostiniani, risale al 1400, anche se la fabbrica fu interessata di rifacimenti e restauri durante il 1700.

IMG_1434

Scorrano, chiesa di San Francesco.

IMG_1435

Chiesa di San Francesco, interni.

IMG_1436

Chiesa di San Francesco, interni.

IMG_1437

Chiesa di San Francesco, interni.

IMG_1441

Chiesa di San Francesco, interni.

IMG_1443

Chiesa di San Francesco, interni.

IMG_1446

Chiesa di San Francesco, interni.

IMG_1447

Scorrano, chiesa di San Francesco, interni.

IMG_0587

Sopra, la chiesa della Madonna della Luce, sorta durante il 1700 sui resti di un importante villaggio bizantino, di cui è rimasta solo la necropoli, nei dintorni.

IMG_0590

La cinquecentesca chiesa di Santa Maria degli Angeli

IMG_1798

Sopra, la sagoma della città vista dalle campagne. Una città che merita appieno una visita e di essere conosciuta approfonditamente. Così come la vicenda di Santa Domenica. Ma questa, è un’altra storia!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Scorrano e la sua Santa Domenica

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.