S.Maria dell’Alto a Campi Salentina

Il complesso monumentale dedicato a S. Maria dell’Alto è ubicato nell’area settentrionale delle “Serre di Sant’Elia”, tra i comuni di Campi Salentina, Cellino San Marco e Squinzano in un sito riconosciuto, con Decreto del Ministero per i Beni Culturali ed Ambientali del 23 dicembre 1997, “Di notevole interesse pubblico”.

Il luogo, inoltre, si caratterizza per la presenza di una suggestiva villa neoclassica datata: “A.D. 1829”, 
L’intera area è rivestita da un fitto bosco di specie vegetali arboree: querce, olivastri, lecci, pini ed arbustive: lentisco, biancospino, cisto rosso, cisto bianco, mirto, asparago spinoso; residui di primigenie formazioni forestali che un tempo ricoprivano l’antico Salento.

1 villa palladiana- s.maria dell'alto campi

2 fonte battesimale paleocristiano- s.maria dell'alto campi

Il sito, inoltre, è circondato da una zona a forte vocazione agricola, in particolare per la coltivazione dei vitigni autoctoni: negro amaro e malvasia, dalle cui uve si ottengono rinomati vini DOC, prodotti in prestigiose case vinicole locali.

3- s.maria dell'alto campi

La chiesa sino al 1602 era dedicata a “S. Maria di Bagnara”, per la vicinanza con l‘antico casale di Bagnara, di probabile origine romana, dal quale, verso la fine del XIII secolo, le popolazioni esasperate da continue incursioni devastatrici fuggirono dando origine al nucleo abitativo riconducibile all’odierna Campi. Successivamente, verso la fine dell’800, assunse una duplice denominazione: la prima “Madonna dell’Alto”, per il rilievo su cui è posta, a 58 m s.l.m.; a ridosso di quella linea difensiva greco-longobarda, realizzata dai bizantini, denominata: “limitone dei greci”.

4- s.maria dell'alto campi

Sempre nello stesso periodo, ovvero verso la fine del XIX secolo, la chiesa era dedicata anche alla “Madonna del latte” in quanto in essa si venerava un dipinto ottocentesco, raffigurante la divina maternità di Maria.

5- s.maria dell'alto campi

Il dipinto era collocato su un altare tardo barocco realizzato agli inizi della seconda metà del settecento e sostituito con una semplicissima mensa di pietra locale, oggi non più esistente, durante un imponente intervento di restauro finanziato nel 1970 dall’allora Ministero della Pubblica Istruzione e realizzato due anni più tardi, nel 1972, dalla Sovraintendenza ai Monumenti e Gallerie della Puglia.

6- s.maria dell'alto campi

La facciata della chiesa, monocuspidata, presenta in alto al centro un elegante rosoncino, con diciotto colonnine disposte a raggiera, decorato lungo il perimetro da una cornice di foglie di loto.

7- s.maria dell'alto campi

La facciata, inoltre, è impreziosita da un pregevole portale alto 5,20 m, che ripete lo stesso motivo a capanna della facciata, leggermente sporgente rispetto al piano di facciata, irrimediabilmente danneggiato nei primi giorni del mese di aprile del 1980 quando furono asportate le due esili colonnine a base ottagonale con i relativi capitelli a fogliame, di semplice fattura, che sostenevano il baldacchino alto 2,20 m, composto da un archivolto decorato e da una sottostante doppia fascia semicircolare, avente una superficie ampia e luminosa, che incornicia una lunetta, nella quale prima era posta una pittura. Al di sotto della lunetta, l’architrave, risulta finemente decorata con foglie di acanto.

8

L’interno della chiesa ha un aspetto imponente, largo 6,45 m. e lungo 16,50 m. è diviso in tre navate, quella centrale larga 2,50 m. le laterali 1,25 m., con archi a sesto acuto sormontati da colonne in stile bizantino, a base ottagonale, tutte uguali nella fattura ad eccezione delle ultime due, a sezione cruciforme, allineate con due colonne scanalate a metà, con capitello dorico e pulvino adorno di croci e palmette incise nella pietra, inserite nei muri perimetrali di destra e di sinistra, su ognuna delle quali poggiano due archi a tutto sesto.

9- s.maria dell'alto campi

Gli archi a tutto sesto, che immettevano in due ambienti laterali, sono poi stati murati durante un generale intervento di restauro eseguito verso la fine della prima metà del seicento, per le cattive condizioni statiche in cui versava l’intero edificio.

10- s.maria dell'alto campi

L’abside è spartita dall’esterno da quattro lesene e presentava tre originari finestroni di cui i laterali murati in seguito al restauro del 1972, mentre quello centrale ridotto a monofora.

11- s.maria dell'alto campi

Da una analisi approfondita delle colonne rudentate e rastremate a metà con capitello dorico inserite nell’attuale cassa muraria ed anche dalla struttura degli archi a tutto sesto realizzati con conci lunghi e stretti saldati tra di loro da bolo rossiccio impastato con pietre e cocci, secondo una tecnica costruttiva di epoca romana, molto diffusa in Puglia, gli studiosi di storia locale ipotizzano che l’intera struttura sia stata costruita sui resti di un precedente insediamento di probabile epoca romana ed insieme ad altri edifici, tutti ubicati a ridosso del “limitone dei Greci”…

12

… S. Maria di Gallana in territorio di Oria (sotto)…

13 santa maria di gallana a oria

…San Pietro in Crepacore, in agro di Torre S. Susanna…

14 san pietro in crepacore in torre santa susanna

…San Miserino, in agro di S. Donaci, pare avesse svolto la funzione di castra di sorveglianza e di difesa con il preciso scopo di arginare l’avanzata dei longobardi nella piana salentina, che era sotto il dominio politico, amministrativo e religioso dei bizantini.

15 san miserino a sandonaci

Per questo lo Jurlaro vorrebbe retrodatare l’origine dell’edificio dedicato alla Madonna dell’Alto, al VII-VIII secolo.

16- s.maria dell'alto campi

17- s.maria dell'alto campi

18- s.maria dell'alto campi

19- s.maria dell'alto campi

di Antonio Minelli

fotografie di Alessandro Romano

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

La Chiesa di Santa Maria dell’Alto a Campi Salentina

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.