Ostuni, la città bianca

“Ostuni è la città panoramica per eccellenza, ogni casa è un belvedere, ogni trattoria una bellavista, ad ogni finestra v’è un poeta che guarda nella pianura sottostante gli ulivi che cangian colore a tutti i venti… a Ostuni le case sono bianche, di latte e calce, sono bianche fino a far male agli occhi, sono candidi i muri, le finestre, le porte, tutto è inverosimilmente bianco… a Ostuni si va per capire cosa vuol dire stare al riparo dal sole… per non desiderare più romanzi, per non pensare più a viaggi lontani, qui c’è il fascino di tutte le città dei mari del Sud, qui c’è l’equatore a portata di mano… “… (Ettore della Giovanna).

ostuni

Così il grande giornalista e scrittore, Ettore della Giovanna, descriveva questa città, abbagliato anch’egli dalla sua luce abbacinante e la sua posizione sospesa fra mito e realtà. Ostuni, semplice e soave, abbarbicata alla sua collina con la dolcezza disperata di un contadino atavico che lotta fra la terra e il cielo, i suoi olivi ed il sole spietato. Un villaggio, un borgo, una città, la cui impronta non teme paragoni nella Storia.

ostuni

ostuni

ostuni

Su queste alture dolcemente sospese sul mare, distante pochi chilometri, la civiltà cominciò molto presto il suo cammino. Qui fu ritrovata la famosa “Delia”, una giovane donna vissuta 25ooo anni fa, morta con il suo bambino nel grembo, sepolta come una regina, con la mano sulla sua pancia. Una sua splendida riproduzione, commovente per la riuscita, la si può vedere all’interno dell’ex convento delle Monacelle, in pieno centro storico, nelle cui sale è stato allestito l’interessante Museo delle Civiltà Preclassiche della Murgia…

40 san vito+convento carmelitane clausura

Chiesa di San Vito e convento delle Carmelitane di Clausura

ostuni

42

43

44

45

46

“Delia”

47

48

La sommità della città vecchia ospita la grande Concattedrale, dalle dimensioni veramente maestose. Pare che il suo rosone sia il secondo più grande di tutta Europa…

ostuni

Concattedrale

ostuni

ostuni

ostuni

Concattedrale, interni.

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

Sant’Oronzo è da sempre il Santo protettore di questa città, quello che secondo la leggenda la salvò dalla peste. Un’altra storia racconta che questa città si tinse di bianco per la prima volta proprio per scongiurare il propagarsi di queste malattie, in quanto la calce sarebbe un’ottimo disinfettante. In ogni caso la statua del Santo campeggia nella piazza principale della città, di fronte ai ruderi dell’antico borgo…

5

6

31 dello Spirito Santo

Chiesa dello Spirito Santo

32 San Francesco

Chiesa di San Francesco

33

Chiesa di San Francesco, interni.

34

35

36

37

38 Maria della Stella

Chiesa di Santa Maria della Stella

39

49

50

51

52

53

 Le colline intorno a Ostuni nascono anch’esse meraviglie di ogni tipo. Il tempo ha scavato le cosiddette lame, sorta di fiumi preistorici, ora senz’acqua, che durante la Storia hanno ospitato la civiltà rupestre di questa zona. Come ad esempio all’interno di Lama Cornula…

SAMSUNG

SAMSUNG

A poca distanza, ma di difficile accesso per via delle asperità di un panorama dai tratti degni di un set cinematografico, si nasconde in fondo ad una gola la chiesetta di San Biagio, costruita durante il XII secolo da monaci eremiti…

SAMSUNG

Il mare dista pochi chilometri, è famoso per conseguire da diversi anni la Bandiera Blu e le Cinque Vele di Legambiente, per via della bellezza e la pulizia di tutto questo tratto di costa. Anche qui si trovano resti importanti, come la torre aragonese, che svetta ancora oggi in località Pozzelle…

58

Una visita a questo lembo piccolo e insieme infinito di territorio, porta sicuramente via il cuore a qualunque viaggiatore…

54

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

 Ostuni, la città bianca

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.