Il Museo Diocesano di Nardò

Anche la città di Nardò offre al mondo il suo Museo Diocesano, uno scrigno incantevole ricchissimo di arte e storia, ora a disposizione di appassionati, studiosi e turisti, nel cuore del centro storico del centro neretino. L’inaugurazione si è tenuta il 7 giugno 2017, ed alla concelebrazione Eucaristica era presente S.E. Mons. Rino Fisichella (presidente del Pontificio

Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione), S.E. Mons. Fernando Filograna (vescovo della Diocesi Nardò-Gallipoli), Mons. Giuliano Santantonio (direttore dell’Ufficio Beni Culturali e del Museo) ed anche la dott.ssa Maria Piccarreta (soprintendente ABAP per le province di Lecce-Brindisi-Taranto).

Il Museo Diocesano di Nardò

L’edificio si trova proprio davanti all’ingresso principale della cattedrale, e fra le sue vastissime e luminose sale poste al primo piano si può fare veramente una piacevole passeggiata…

Il Museo Diocesano di Nardò

…fra le meraviglie dei suoi arredi sacre e la statuaria, che conta pezzi di argento di pregevole fattura!

Il Museo custodisce anche un interessante apparato di testi e documenti antichi…

…ma ovviamente risaltano agli occhi i capolavori raffiguranti soggetti sacri…

…e opere provenienti dal circondario…

…fra cui alcuni affreschi salvati e messi in sicurezza.

Fra questi mi ha colpito in modo particolare questo sopra, raffigurante una scena della vita di San Vincenzo Ferrer, predicatore domenicano, che era giunto nelle terre della Linguadoca francese, e accolto in casa da un cavaliere, il quale aveva una moglie che le fonti riferiscono “lunatica”: la donna presentò alla tavola del pranzo, quel giorno, il suo bambino fatto arrosto e a pezzi. Il cavaliere si disperò amaramente col frate, che così operò il miracolo, riportando in vita quel bambino!

Il Museo dispone anche di una pregevole pinacoteca di grandissimo valore.

La statuaria conta non solo opere classiche della tradizione seicentesca, ma arriva alle seconda metà del Novecento, ospitando splendide cartapeste come quelle del maestro Raffaele Caretta.

Stupendi i manufatti d’argento!

Presente anche un vasto catalogo di abiti vescovili, sfarzosi e coloratissimi.

Fra i documenti storici un messaggio del re delle Due Sicilie, alla Curia neretina.

Questo è solo un assaggio di ciò che potrete vedere presso il Museo Diocesano – Sezione di Nardò “Mons. Aldo Garzia”. E’ aperto tutti i giorni, per informazioni e visite guidate consultate il sito della Diocesi.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Museo Diocesano di Nardò

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.