L’Oasi Naturale di Torre Guaceto

Immersa in uno scenario paradisiaco, l’Oasi di Torre Guaceto, agro di Carovigno, oggi area marina protetta e riserva dello Stato, è uno dei parchi naturali più suggestivi che vanti il Salento. Luogo perfetto per una passeggiata nella natura ma anche nel proprio spirito, che qui respira un’atmosfera ideale al raccoglimento e la meditazione.

Un territorio abitato fin dalla Preistoria e che durante l’Età del Bronzo, duemila anni prima di Cristo, qui aveva importanti villaggi, come ha testimoniato l’Archeologia con i suoi numerosi ritrovamenti di ceramiche e reperti d’ogni tipo. Il Canale Reale qui sfociava, portando l’acqua, e rese appetibile l’insediamento fino ad epoca romana, quando qui c’era persino un piccolo porto.

1

Oggi, tutta l’area è il paradiso degli escursionisti che, a piedi o in bicicletta, vivono la pienamente bellezza di questo Parco, suddiviso in aree ben distinte.

parco naturale di torre guaceto

La parte del leone la fanno le specie floricole, ed in primavera qui si può ammirare uno spettacolo veramente appassionante…

3

…è consigliabile fare la passeggiata a piedi, perché un ritmo lento, fra i sentieri nel bosco consente un pieno appagamento dei sensi.

5

6

Il mare fa capolino in tutti i sentieri!

7

In questo caso ci dirigiamo verso la scogliera dove si erge la torre cinquecentesca, ma anche il cordone delle dune merita una sosta.

8

9

10

parco naturale di torre guaceto

C’è una struttura che ospita sul suo terrazzo un favorevole punto di osservazione, dal quale si possono ammirare le dune e la torre costiera…

12

…deliziose calette si nascondono alla vista dall’interno…

13

…ma una volta giunti sulla costa, si può apprezzare la limpidezza delle acque e la pulizia della sabbia.

parco naturale di torre guaceto

15

Sopra, siamo riusciti a fotografare un grosso e vistoso ramarro, di un verde sfolgorante!

parco naturale di torre guaceto

Il Canale Reale qui ha formato dei laghetti che sono il paradiso delle specie volatili migratorie.

torre guaceto

Ma puntiamo ora verso la Torre…

torre guaceto

Questo luogo era meta già dal XI secolo dei pirati saraceni, che venivano attirati dalla grossa presenza dell’acqua. Fu infatti un geografo arabo nel 1164 a indicare il posto col toponimo “Gaw sit”, che sta a significare “luogo dell’acqua dolce”. Da qui venne “Guaceto”. Una prima torre di guardia esisteva già con gli Angioni, nel 1400, ma durante gli Aragonesi fu eretta la torre che vediamo oggi, che poi fu dotata anche di un grosso cannone.

18

Le due isolette, note come gli scogli di Apani, furono anch’esse abitate durante l’Età del Bronzo, come hanno testimoniato le ricerche archeologiche.

19

Sul promontorio della Torre, altre strutture, riferibili a quel periodo, resistono ai secoli e al mare…

20

torre guaceto

Particolarmente vistoso il locale, voltato a botte, posto proprio a metà fra la torre e il mare…

22

…l’interno è spartano e conserva solo delle piccole nicchie per gli utensili più immediati…

torre guaceto

Visto da sopra, sullo sfondo si nota la struttura precedente, sul mare…

torre guaceto

Un posto magico, che unisce la storia, di un così lungo periodo di frequentazione, e la bellezza della natura, con un mare ed un entroterra da sogno!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

L’Oasi Naturale di Torre Guaceto

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.