L’amor cortese nel Salento medievale

Il panorama rupestre di Terra d’Otranto, come abbiamo spesso osservato su queste pagine, è ricco di caratteristiche peculiari e bellezze pittoriche e architettoniche, che spesso nascondono storie di vita minima assieme a quelle della grande Storia.

E’ il caso di un affresco che si trova in una chiesa ipogea in agro di Copertino, che custodisce una storia vecchia di oltre 700 anni, ricca di amore, fede e devozione. Mettiamo dunque insieme le tracce sommarie per giungere a godere appieno di questa opera d’arte. Nel 1305, Filippo, figlio del re Carlo II d’Angiò, avviò una campagna militare per l’invasione dei Balcani, ingaggiando ovunque mercenari.
La spedizione però ben presto fallì e nell’ottobre del 1306 Filippo rientrò in Italia. Fra i cavalieri che fecero ritorno con lui, ripassando il canale d’Otranto c’era il francese Sourè, che fece una sosta nella importante contea di Soleto, precisamente nel feudo di Galatina, che già dal 1268 insieme ad altri territori era stato affidato ad Anselin de’ Toucy, comandante della flotta francese. Nel 1299, Carlo I d’Angiò aveva ceduto la contea di Soleto a Ugo del Balzo, anch’egli venuto dalla Francia. Probabilmente fu quest’ultimo ad affidare al connazionale Sourè l’incarico di castellano del castello di Copertino, posto strategico del versante jonico della penisola salentina.
Così, il cavaliere francese si stabilì in loco, sposandosi. Non si conoscono le precise ragioni che lo spinsero a far realizzare, intorno al 1314-15, in aperta campagna, nel pianoro paludoso posto tra Copertino e Galatina, la chiesa rupestre dedicata all’Arcangelo Michele. Egli affidò la decorazione del tempio ai più noti frescanti di Soleto, Nicola e il figlio Demetrio, come ricorda una epigrafe in caratteri bizantini: “Questa venerabilissima chiesa (dedicata) all’arcistratega Michele è stata costruita e ornata di pitture dalla devozione del cavaliere Sourè e della sua sposa e dei suoi figlinel regno di Roberto terzo (figlio) di Carlo, l’anno 6823 (l’anno bizantino 6823 corrisponde al 1314-15), tredicesima indizione, affrescata per mano di Nicola e Demetrio, padre e figlio di Soleto. Voi che leggete pregate per essi il Signore. Amen“.
Tra le pitture a tema religioso dell’ipogeo si distingue così quella – davvero insolita e a carattere “laico” – che raffigura il tenero abbraccio tra il cavaliere Sourè e la sua sposa. Probabilmente la sua presenza tra le decorazioni della chiesa è legata ad un voto fatto da Sourè all’arcangelo Michele, condottiero delle milizie celesti, per un felice ritorno in patria. Infatti, intorno alla coppia felicemente innamorata si registra la presenza di parecchie stelle a otto punte, che di solito nel Salento accompagnavano gli affreschi ex voto. Una storia affascinante, che lascia intravedere il mitico tempo dell’amor cortese cantato dagli immortali poemi medievali, incendiati dall’amore di un cavaliere per la sua dama.
(foto dell’affresco e notizie reperite in rete, sopratutto da un post facebook di Sergio Natale Maglio)
© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

L’amor cortese nel Salento medievale

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.