Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website Tra la Valle d’Itria e le gravine

Tra la Valle d’Itria e le gravine

Si chiama Pascarosa. E’ poco più di un borgo, lontano dai grossi centri abitati, immerso nella quiete e nel silenzio della Valle d’Itria. Da qui comincia questo nuovo percorso fra gli itinerari alternativi del Salento. Siamo in agro di Ostuni. Da qui comincia la valle più suggestiva di questa terra fra gravine, lame, campagne di commovente suggestione…

mappa

1

2E’ in queste amene campagne che incontriamo il trullo più grande di tutti. Da queste parti lo chiamano il “Trullo sovrano”, è composto da più coni e si sviluppa su più piani d’altezza. Un’autentica rarità oltre che una meraviglia costruttiva della tradizione del Salento.

3

4

 Questa è un’antica specchia, prova che fin dall’antichità queste terre furono popolate ed abitate…

5

Salendo in cima a questa specchia si può ammirare in tutta la sua estensione il dolcissimo panorama della valle d’Itria.

tra la valle d'itria e le gravineDa qui si giunge in breve tempo a Martina Franca.

7

Tutto il centro storico di questa bellissima città sarebbe da visitare. Ma la prima tappa resta la sontuosa chiesa matrice.

8

9

Lasciando la città ricomincia la grande avventura nella natura. E’ qui che, tra alte colline ricoperte di verde che incontriamo Masseria Lupoli, autentico viaggio a ritroso nel tempo. Una visita a questa masseria è rivivere il tempo antico del Salento.

10

11

Qui, in una sorta di scrigno-museo, la civiltà contadina torna ai suoi tempi di lavoro e di fatica, di vita e resistenza.

12

13

14

Anche qui, ovviamente, i trulli la fanno da padrone, nello scenario intorno.

15

16

In queste lande selvagge si estende il Bosco delle Pianelle, covo di briganti risoluti per tutto il 1800, e rimasto incontaminato fino ad oggi.

gravine

Persi magicamente in questo territorio d’altri tempi, ci pare quasi di risentire il furioso galoppo dei cavalli, in caccia o in fuga, dei famigerati briganti.

gravine

Oggi qui esiste un bellissimo percorso nel bosco che ci può riportare veramente indietro nel tempo.

gravine

Il viaggio prosegue verso Massafra, e il suo castello che si erge maestoso sopra la gravina. Eh si, qui lo scenario comincia a cambiare. Profonde gravine aprono squarci nella terra. Un panorama selvaggio, eppure anche questo abitato dall’uomo fin dall’antichità.

gravine

gravine

Questa è la cripta di San Leonardo, piccolo gioiello affrescato quasi mille anni fa.

19 san leonardo

gravine

E qui siamo arrivati in agro di Mottola, nella gravina di San Nicola, da sempre meta di pellegrini devoti al santo orientale.

gravine

La gravina di Sant’Angelo conserva un’affascinante villaggio rupestre, ed un incredibile cripta scavata addirittura su due piani!

gravine

23

Appena si avverte fame, in questa regione, il re riconosciuto delle tavole è senz’altro il capocollo di Martina Franca, trattato nella maniera unica con cui si trova solo qui. Carne che si scioglie in bocca, una delizia per il palato. Buon appetito!

24

25

Per la foto di copertina si ringrazia Dajana Carrozzi, la turista delle nostre passeggiate!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Tra la Valle d’Itria e le gravine

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.