La tragedia del Vajont

Il 9 ottobre 1963 fu un giorno tremendo per l’Italia, una nazione che aveva appena 100 anni, costruita come la diga del Vajont, con un’incredibile commistione di ingenuità, negligenza e corruzione, in cui la gente povera ed ignorante fu soverchiata dall’ambizione dei potenti. Come una metafora. Lo specchio della realtà. Conobbi questa storia poco più di 10 anni fa, lo confesso, molto tardi. Ci sono arrivato leggendo i libri di Mauro Corona.

Un uomo vero, uscito dai monti delle Alpi Friulane, non da qualche scuola superiore, che ha vissuto questa tragedia da ragazzo, dal suo paese di Erto, osservando la distruzione della natura e degli uomini della sua vallata, offesi prima e dopo quel che successe…

vajont

Successe che quel che doveva essere un’opera all’avanguardia, la più grande diga del mondo, che avrebbe portato ricchezza e benessere a tutta la vallata, fu invece la sua fine. Gli ingegneri non si accorsero che il Monte Toc (in friulano abbreviazione di patoc, che significa marcio) era un gigante dai piedi di argilla. Nel vero senso della parola! L’immenso invaso del bacino artificiale creato con la diga, poggiava su rocce che non potevano contenerlo. Che infatti… cedettero…

longarone prima della catastrofe del vajont

Sopra, in queste foto di Francesco Capezza (che ringrazio per la cortesia) vediamo l’immagine di Longarone, prima del disastro, che coinvolse oltre ad esso anche Erto e varie frazioni. Successe che il Monte Toc franò… e dire che tutti avvertirono i boati, dalla montagna… tanti furono i segni premonitori… ma nessuno abbandonò o volle abbandonare la sua casa… il Toc si riversò, in una frana lunga 2 km, oltre 270 milioni di metri cubi di rocce e terra, all’interno dell’invaso, scatenando un’energia più grande di quella della bomba di Hiroshima, alzando così un’onda alta 150 metri, che scavalcò letteralmente la diga!…

diga del vajont

L’immane massa d’acqua si riversò nella vallata… spazzando via Longarone e lambendo tutte le frazioni vicine… Erano le 22.39… era notte, la disgrazia colse nel sonno la gente… e furono quasi 2000 i morti, 500 dei quali sono ancora sepolti sotto decine e decine di metri di frana, e non furono mai più recuperati… La giornalista Tina Merlin fu la sola voce che accanitamente denunciò ciò che stava accadendo, prevenendo quello che sarebbe successo… Negli anni seguenti, Mauro Corona, ma anche il regista Renzo Martinelli con un film vivido e d’impatto diretto come uno tsunami, hanno contribuito alla divulgazione su più vasta scala di questa storia…

mauro corona, vajont

Questa è una delle più incredibili storie d’Italia. I morti, i suicidi che seguirono, le pene scontate e non scontate dai colpevoli, gli aiuti non-aiuti alla regione colpita, ed infine il senso di inutilità, come se da questa vicenda nulla di buono si sia potuto apprendere, e trasmettere, alle successive generazioni… tutto deve comunque essere ricordato, con costanza. Come il sottoscritto ci sarà senz’altro qualcuno che ancora non sapeva, ma che ora magari, sorpreso, andrà ad informarsi. A lui indico subito, per avere la cronaca completa di tutto ciò che accadde, questa pagina.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La tragedia del Vajont

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.