La cripta di Santa Margherita a Mottola

Nel territorio comunale di Mottola (Taranto) sono presenti molte tracce di una poco nota tipologia insediativa: quella rupestre. Una cultura che, fin dalla preistoria, ha sfruttato le cavità naturali e scavato lungo i margini di lame e gravine, nella roccia tufacea, grotte artificiali per realizzare siti abitativi e di culto. Sono, queste, testimonianze di un’antica cultura murgiana

che ha sfruttato la presenza degli anfratti rocciosi per realizzarvi case ed ambienti lavorativi e religiosi. Il villaggio di Casalrotto è costituito da un centinaio di grotte ed occupa i due fianchi di una piccola lama ad ovest dell’omonima masseria.

cripta di santa margherita a mottola 2

Non esistono documenti altomedievali ma si può ipotizzare che il monastero rupestre di Sant’Angelo, nucleo originario di Casalrotto, sia stato fondato da monaci italo – greci nel periodo della seconda colonizzazione bizantina (IX – XI secolo), anche se è verosimile una commistione, sin dalle fasi iniziali, fra la cultura bizantina e quella longobarda: la stessa dedicazione della chiesa a San Michele Arcangelo lo collega immediatamente alla cultura longobarda. Il toponimo più antico documentato dalle fonti (XII secolo) è Casalis Ruptis, che potrebbe significare “casale rotto”, ma anche, in seguito alla deformazione dialettale, “case a grotta”.

cripta di santa margherita a mottola 3

Le prime notizie storiche certe sono attestate da una “charta donationis” del 1081, con la quale il signore normanno di Mottola, Riccardo Senescalco, donava il monastero di Sant’Angelo al monastero benedettino della SS. Trinità di Cava dei Tirreni. Il villaggio raggiunse il massimo splendore nel XII e XIII secolo, quando il casale si articolava in una parte rupestre ed una sub – divo. Già a metà del XIII secolo si iniziarono invece ad avvertire i primi segni di declino, accentuatisi nel XIV secolo. Il villaggio di Casalrotto si caratterizza per la presenza di quattro chiese: la chiesa di Sant’Angelo, quella di San Cesario, quella di Sant’Apollinare e da altre due chiese, Santa Margherita e San Nicola, che, seppure distanti dal villaggio, vengono associate a questo. La chiesa rupestre di Santa Margherita, localizzata a circa un km ad est della masseria di Casalrotto, rappresenta uno dei gioielli della civiltà rupestre italiana. L’invaso rettangolare della chiesa, caratterizzato da una planimetria insolita, è diviso in due navate da pilastri, di cui uno monco, sorreggenti due archi.

cripta di santa margherita a mottola 4

La chiesa è ricca di affreschi di notevole valore storico – culturale ed artistico. Una prima immagine della santa cui la cripta è dedicata: Santa Margherita, il cui nome originario era Santa Marina di Antiochia, è affrescata sul pilastro che fronteggia l’ingresso, con indosso una veste sfarzosa, tipicamente bizantina.

cripta di santa margherita a mottola 5

L’esecuzione accuratissima dell’affresco e l’uso di colori caldi fanno ritenere questo come uno dei migliori esempi in Puglia della produzione pittorica coeva alla dinastia imperiale bizantina dei Comneni (XII secolo), produzione probabilmente influenzata da modelli di origine balcanica.

cripta di santa margherita a mottola 6

cripta di santa margherita a mottola 7

cripta di santa margherita a mottola 8

cripta di santa margherita a mottola 10

cripta di santa margherita a mottola 12

cripta di santa margherita a mottola 14

cripta di santa margherita a mottola 15

cripta di santa margherita a mottola 16

cripta di santa margherita a mottola 17

cripta di santa margherita a mottola 18

cripta di santa margherita a mottola 19

cripta di santa margherita a mottola 21

cripta di santa margherita a mottola 22

cripta di santa margherita a mottola 23

cripta di santa margherita a mottola 25

cripta di santa margherita a mottola 28

cripta di santa margherita a mottola 29

Sul perimetro della chiesa corrono i sedili in pietra (subsellia), tipici di molte chiese rupestri.

cripta di santa margherita a mottola 30

cripta di santa margherita a mottola 31

cripta di santa margherita a mottola 34

cripta di santa margherita a mottola 35

cripta di santa margherita a mottola 36

cripta di santa margherita a mottola 37

cripta di santa margherita a mottola 38

Sul fondo dell’abside centrale, a fondo piatto, è presente un altare addossato al muro decorato con motivi geometrici.

cripta di santa margherita a mottola 39

Molto interessante la Deesis dipinta intorno all’altare. Col Cristo Pantocratore attorniato a sinistra da Maria e a destra da S. Giovanni Battista, rappresentato con barba incolta e peli sulle braccia.

cripta di santa margherita a mottola 40

cripta di santa margherita a mottola 41

cripta di santa margherita a mottola 42

cripta di santa margherita a mottola 43

cripta di santa margherita a mottola 44

Nel vano a fianco sulla destra , ampio e irregolare e scavato con parete curvilinea poi affrescata, si trovano i resti di altri due altari.

cripta di santa margherita a mottola 45

In questa sala semicircolare, a destra della navata centrale, è dipinta, in dieci riquadri, la storia del martirio di Santa Margherita.

cripta di santa margherita a mottola 46

Gli affreschi, di stile popolaresco e ascrivibili al XIII – XIV secolo, sono importanti in quanto le scene della vita della santa si conservano solo in questa e nella cripta di Sant’Antonio a Laterza.

cripta di santa margherita a mottola 47

cripta di santa margherita a mottola 48

cripta di santa margherita a mottola 49

cripta di santa margherita a mottola 50

cripta di santa margherita a mottola 51

cripta di santa margherita a mottola 52

cripta di santa margherita a mottola 53

cripta di santa margherita a mottola 55

cripta di santa margherita a mottola 56

cripta di santa margherita a mottola 57

cripta di santa margherita a mottola 58

cripta di santa margherita a mottola 59

Di estremo interesse la decorazione presente in corrispondenza del secondo altare: tale tipo di decorazione lineare era molto diffuso in Grecia e Cappadocia durante il periodo iconoclasta e dovrebbe far risalire l’escavazione della chiesa al periodo tra VIII e IX secolo.

cripta di santa margherita a mottola 60

cripta di santa margherita a mottola 61

cripta di santa margherita a mottola 63

cripta di santa margherita a mottola 64

cripta di santa margherita a mottola 66

cripta di santa margherita a mottola 68

Bellissima la sinopia del Cristo Pantocratore sopra un’altare. I visi di Cristo erano i meglio rifiniti e spesso dipinti dallo stesso Magister cui era stata affidata la commessa degli affreschi.

cripta di santa margherita a mottola 70

cripta di santa margherita a mottola 71

cripta di santa margherita a mottola 72

cripta di santa margherita a mottola 74

cripta di santa margherita a mottola 75

cripta di santa margherita a mottola 76

cripta di santa margherita a mottola 77

cripta di santa margherita a mottola 78

cripta di santa margherita a mottola 79

cripta di santa margherita a mottola 80

cripta di santa margherita a mottola 81

cripta di santa margherita a mottola 82

Molti dipinti presentano un palinsesto, cioè un doppio strato di pitture eseguite in periodi diversi, inoltre molti affreschi sono stati rovinati nel corso dei secoli dal vandalismo umano, ma anche oggi ciò che rimane dei bellissimi colori rischia di scomparire per le fessurazioni prodotte dal salnitro e dall’umidità.

cripta di santa margherita a mottola 83

cripta di santa margherita a mottola 84

La chiesa rupestre di S.Margherita a Mottola

Gianluigi Vezoli

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.