Ingapirca, nel cuore dell’Ecuador

L’affascinante civiltà Inca, in Ecuador, trova il suo complesso più grande ed importante a Ingapirca. L’edificio più significativo è il Tempio del Sole, un edificio di forma ellittica costruito attorno a una grande roccia.

Questa zona era stata a lungo abitata dagli indigeni Cañari, che la chiamavano Hatun Cañar. Mentre l’impero Inca si espandeva nel sud dell’Ecuador, l’Inca Túpac Yupanqui incontrò la tribù Cañari “Hatun Cañar”, che con qualche difficoltà riuscì a conquistare.

Ingapirca, nel cuore dell'Ecuador

Usò diverse strategie politiche, sposando la principessa Cañari e migliorando la città Cañari di Guapondelig, chiamandola Tumebamba o Pumapungo (oggi Cuenca). Gli Inca e Cañari decisero di risolvere le loro differenze e di vivere insieme pacificamente. L’osservatorio astronomico fu costruito sotto Inca Huayna Capac

Gli Inca ribattezzarono la città come Ingapirca e mantennero la maggior parte dei loro costumi distintivi separatamente, come fecero i Cañari. Sebbene gli Inca fossero più numerosi, non pretesero che i Cañari rinunciassero alla loro autonomia. Il complesso del castello è di origine Cañari-Inca. Il suo scopo è incerto. Il complesso fu utilizzato come fortezza e magazzino da cui rifornire le truppe Inca in rotta verso il nord dell’Ecuador. 

A Ingapirca hanno anche sviluppato un complesso sistema sotterraneo per rifornire di acqua all’intero complesso. Il Tempio del Sole è l’edificio più significativo le cui rovine parziali sopravvivono nel sito archeologico. È costruito alla maniera Inca, senza malta, così come la maggior parte delle strutture del complesso. Le pietre sono state accuratamente cesellate e modellate per adattarsi perfettamente insieme. 

Ingapirca, nel cuore dell'Ecuador

Era posizionato in armonia con le loro credenze e conoscenza del cosmo. I ricercatori hanno imparato dall’osservazione che il Tempio del Sole era posizionato in modo tale che sui solstizi, esattamente al momento giusto della giornata, la luce del sole sarebbe caduta attraverso il centro della porta della piccola camera nella parte superiore del tempio. Gran parte di questa camera è oggi crollata.

Ingapirca, nel cuore dell'Ecuador

Le persone hanno celebrato numerose celebrazioni rituali nel complesso. Hanno preparato una bevanda locale fermentata, da consumare nei rituali di queste feste.

Come adoratori del sole e della luna, hanno cercato di essere il più vicino possibile ai loro dei e hanno costruito i loro monumenti in alto sulle montagne.

Il tempo cambia rapidamente, in pochi minuti, da un minuto calmo e soleggiato a un altro piovoso, ventoso e freddo. Questa volatilità climatica è tipica tutto l’anno. La gente era fortemente convinta che questo fosse il luogo in cui gli dei li avevano condotti, indipendentemente dal clima.

(Grazie di cuore ad Adele Quaranta per il reportage fotografico, che ho potuto condividere con tutti voi)

  © Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Ingapirca, nel cuore dell’Ecuador

Tags:  ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.