India, le meraviglie di Madanapalle

WITH ENGLISH TEXT

Madanapalle périnet, distretto di Chittoor, India meridionale, un nuovo viaggio grazie all’amico Gianluigi Vezoli. Siamo in un piccolo villaggio al confine con il distretto di Anantapur, che custodisce un notevole gioiello di arte indiana poco conosciuto: il tempio chennakesava.

Il tempio è stato costruito dalla chola, ma è stato arricchito da altri edifici che lo hanno reso una meravigliosa arte complessa.  La data di Fondazione del tempio è sconosciuta, ma è chiaro che il complesso era abbastanza grande e ricoperto una vasta area. Il tempio è costituita da tre principali santuari, nonché un prakara e un input gopura.

India, le meraviglie di Madanapalle

Bella è la kalyāṇa mandapa pietra nera, ricco di sculture e intricato scalpelli. Molto interessante il sovrano mandapa esterno con cifre e semi-Dvarapalas sul muro.

India, le meraviglie di Madanapalle

Il Santuario è costituito da centrale garbhagiha, ardha-Mandapa chiusa e mukha-Mandapa aperta, in cui il soffitto sono decorate con scene epiche nello stile tipico del periodo vijayanagar.

India, le meraviglie di Madanapalle

SOMAPALYAM, SOMAPALEM (Madanalpalle taluk – Chittoor district – AP), is a small village on the border with the Anantapur district which houses a remarkable jewel of Indian Art little known: the Chennakesava TEMPLE.

India, le meraviglie di Madanapalle

The original temple was built by the Chola, but it was in Vijayanagar period was enriched by other buildings that have made him a wonderful arts complex.

India, le meraviglie di Madanapalle

The founding date of the original temple is unknown, but it is clear that the complex was big enough and covered a large area. The temple consists of three main sanctuaries, as well as a prakara and an input Gopura.

6

Beautiful is the Kalyana mandapa black stone, rich in sculptures and intricate chisels.

7

Very interesting the outer mandapa with sovereign figures and dvarapalas on semi-wall.

8

The central sanctuary consists Garbhagiha, Ardha-mandapa closed and mukha-mandapa open, in which the ceiling are painted epic scenes in the typical style of the Vijayanagar period.

9

Following an intelligent religious policy, I believe that during the rule of the Vijayanagar different faiths harbored complex, because in small side temples are beautiful Sivaite and Jain statues.

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

India, le meraviglie di Madanapalle

a cura di Gianluigi Vezoli

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Tags:  ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.