Il Tempietto di San Miserino

Posto lungo un’importante tracciato viario, il Tempietto di San Miserino, in agro di Sandonaci (Brindisi), si erge sopra un antico insediamento romano, che lo rende un monumento tanto interessante quanto ambiguo, per certi versi. Villa romana datata I secolo d.C. ma anche, successivamente, tempio cristiano, fra i più antichi di Terra d’Otranto, con caratteristiche architettoniche particolari.

Rientra nel tracciato del cosiddetto “Limitone dei Greci”, lungo il quale, abbiamo visto negli ultimi reportage, sorgevano diversi monumenti alto medievali, sorti a loro volta sui resti di insediamenti romani.

tempietto di san miserino a sandonaci

La struttura è formata da un ottagono, inserito in un quadrato, coperto da una volta a tholos, una classica cupola, come siamo abituati a vedere da queste parti. L’interno è suddiviso in quattro nicchie a mezza luna.

2

tempietto di san miserino a sandonaci

Fra le trovate architettoniche ritroviamo alcuni capitelli con decorazione in stucco, rappresentanti foglie d’acanto. Gli studiosi gli hanno assegnato una datazione riferita al VI secolo (foto sotto).

tempietto di san miserino a sandonaci

tempietto di san miserino a sandonaci

La struttura suggerisce agli studiosi che in origine fosse una sorta di ninfeo, collegato alla villa, probabilmente fornita di un impianto termale. Infatti i mosaici risalgono al II secolo d.C.

6

Gli affreschi invece risalgono ad età medievale, e ciò dimostra che in questo periodo la struttura fu convertita in chiesa.

7

8

Sopra, un frammento del devastato pavimento a mosaico, realizzato a tessere scure con una cornice bianca.

9

Sopra, una delle nicchie semi circolari a cui accennavamo…

10

Sopra, la cupola, vista dall’interno.

11

12

13

Alcune ricognizioni archeologiche, studiando i reperti ritrovati, hanno stabilito che il sito fu frequentato dal I al VI secolo d.C. Ma, aggiungiamo noi, tutta la zona e lo stesso monumento ovviamente, avrebbe bisogno di essere salvata, restaurata, scavata e valorizzata, in quanto rappresenta un’importantissima presenza storica-archeologica per la terra d’Otranto.

 

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Tempietto di San Miserino, a Sandonaci

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.