I merletti della Cattedrale di Bitetto

Antica cittadina del barese, Bitetto è un luogo da visitare, sopratutto per la sua superba cattedrale di San Michele Arcangelo, uno dei monumenti più rappresentativi di quel grande movimento artistico che caratterizzò il cosiddetto romanico pugliese. Un’epigrafe ci rivela la data di costruzione di questo monumento: presso il portale si legge infatti 1335, ed anche il nome del maestro architetto che la eresse: Lillo da Barletta.

Il suo costruttore riutilizzò i resti di una chiesa ancora più antica, che risaliva al XI secolo, ed era anche già sede diocesana.

cattedrale di bitetto

In queste bellissime foto di Gianluigi Vezoli la nostra attenzione viene catturata dall’incredibile bellezza scultorea della facciata di questa chiesa…

cattedrale di bitetto

Tre portali si aprono sul prospetto, quello centrale viene esaltato da un ricco apparato scultoreo: due leoni in pietra, accosciati su possenti mensoloni, reggono colonne dai capitelli a motivi vegetali che sostengono una lunetta con i bassorilievi del Cristo e dei dodici Apostoli. Intorno al rosone è un’esplosione di fregi e ricami…

cattedrale di bitetto

cattedrale di bitetto

Gli stipiti esterni presentano scene del Nuovo Testamento…

cattedrale di bitetto

…ma i particolari sono autentiche finezze artistiche! Nella foto sopra possiamo ammirare un motivo che spesso viene affrescato… e qui ripreso in rilievo!

cattedrale di bitetto

cattedrale di bitetto

cattedrale di bitetto

rosone

Il rosone ripreso nella sua interezza…

12

13

Uno scenario di pietra che ci trasporta letteralmente nella figurazione fantastica medievale… ed è caratteristica integrante di questo lembo di Puglia!

(che ringrazia per le foto Gianluigi Vezoli e il suo impegno per la divulgazione del patrimonio storico di questa Regione)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.