I Comuni della costa jonica

I Comuni della costa Jonica a sud di Gallipoli e a nord di Ugento rappresentano una interessante realtà, ricca di alternative per il visitatore che giunga in questa regione del Salento. Borghi storici, colmi di vita e di attrattive gastronomiche, ricettive, naturalistiche. Facciamo un breve percorso lungo questo territorio. Cominciamo da nord, da TAVIANO. Città prevalentemente a vocazione agricola, circondata da secolari coltivazioni di oliveti e vigneti. A questa attività si è aggiunta nel tempo quella florovivaistica, che è cresciuta così tanto da dare a Taviano il nome di Città dei fiori.

taviano

Risale al 1600 il Palazzo Marchesale De Franchis, enorme costruzione sulla cui facciata campeggia proprio lo stemma della famiglia che dominò sul feudo.

taviano

chiesa del Crocifisso a Taviano

Taviano, chiesa del Crocifisso, particolare.

taviano

chiesa di santa marina a taviano, costa jonica

La chiesa di Santa Marina, o Santa Maria di Costantinopoli, sorse nel 1704, per opera di Girolamo Moschettini. E’ uno dei pochi edifici di culto dedicati a questa santa.

6

Taviano, chiesa di Santa Marina

7

Taviano, chiesa di Santa Marina

Chiesa di Santa Maria delle Grazie, Taviano

La chiesa di Santa Maria delle Grazie, legata ad un’antica tradizione.

Chiesa Madonna Addolorata di Taviano

La chiesa della Madonna Addolorata è invece legata ai prodigiosi eventi legati alla statua della Vergine in essa custodita, i cui abitanti in due occasioni prelevarono con la forza per poterla portare in processione per le vie del paese, salvando Taviano da ogni calamità.

2

3

Stupendi gli altari custoditi nella chiesa, con meravigliosi intarsi in legno.

4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Siamo ad ALLISTE, adagiata anch’essa sulla serra, occupa un territorio come quello di Racale abitato fin dalla preistoria, come dimostra il Menhir Terenzano, posto fuori l’abitato, in direzione del mare.

menhir terenzano

chiesa di san quintino ad alliste

Alliste, Chiesa di San Quintino, patrono della città

felline

Stupenda frazione di Alliste è il borgo medievale di FELLINE, incantevole località oggi rinomata per le sue fiorenti attività gastronomiche. Nonostante la ridotta estensione del suo territorio, questo borgo custodisce tantissime sorprese per il turista. Qui siamo nella chiesa matrice, dedicata a San Leucio, piccolo gioiello cinquecentesco.

chiesa di san leucio

Felline, chiesa di San Leucio

4

Felline, chiesa di San Leucio

5

Felline, chiesa di San Leucio

chiesa di san leucio a felline

Felline, chiesa di San Leucio

7 menhir ninfeo

Menhir Ninfeo, altra prova degli antichi abitanti della zona.

felline

Qui siamo nel punto più panoramico della serra, dove sorge la chiesa abbaziale della Madonna dell’Alto, sorta prima dell’anno 1000, di cui si conservano ottimamente gli affreschi cinquecenteschi.

madonna dell'alto a felline

Felline, Madonna dell’Alto

11

Felline, Madonna dell’Alto

costa jonica

Il panorama da qui offre una vista abbagliante.

Santa Maria Potenza a felline

Nei campi circostanti si può scoprire la piccola chiesetta di Santa Maria Potenza, costruzione del 1400, di cui restano pochi ruderi, che custodiscono però ancora notevoli sorprese.

13

Santa Maria Potenza, affresco esterno

M3321T-0016

In questi preziosi scatti dell’archeologo Stefano Cortese possiamo ammirare l’affresco nascosto all’interno.

15

castello di felline

Felline, Castello dei Bonsecolo, opera del 1100

olivo secolare

Enorme tronco di un olivo secolare presso Felline

torre sinfonò lungo la costa jonica

Torre Sinfonò, ben nascosta, pur davanti alla meravigliosa costa jonica.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

I Comuni della costa jonica

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.