Gli affreschi di S.Maria degli Angeli a Poggiardo

Gli affreschi della cripta di Santa Maria degli Angeli, a Poggiardo, salvati quasi miracolosamente dalla distruzione, rappresentano per il visitatore un viaggio nel Salento bizantino dai colori ancora vividi. Dopo la soppressione del rito greco venne completamente riempita con materiale di risulta e dimenticata. Riscoperta per caso nel 1929 a seguito di lavori di edilizia urbana,

300 anni dopo il suo abbandono. Negli anni ’50, visto che il degrado degli affreschi continuava, si decise di procedere per lo “strappo” degli stessi, per salvarli e custodirli in un apposito museo, dopo aver proceduto ad un accurato restauro a Roma.

Vengono datati a XI e XII secolo. Facciamo un viaggio attraverso le figure che sono state rappresentate, disposte esattamente come erano nella cripta originaria…

…partendo dalla parete destra, incontriamo prima San Nicola di Myra, con l’abito vescovile e il segno benedicente alla maniera greca (sopra).

Segue San Giorgio, classico tema di tradizione cavalleresca, raffigurato mentre uccide il drago.

Seguono San Giovanni Teologo, San Gregorio e Sant’Anastasio, vestito con i tipici paramenti della liturgia greca.

Poi c’è un severo Cristo in trono…

…ai cui piedi si intravede un offerente che ricorda molto la figura della Maddalena mentre asciuga con i suoi capelli i piedi a Gesù.

In mano al Cristo, la Scrittura, riportava ovviamente in greco. Le tre figure che seguono sono quelle meno conservate: San Demetrio, San Nicola e San Giovanni.

Presso la prima abside c’è San Lorenzo…

…e all’interno di essa l’immagine che dava il nome alla cripta, la Vergine col Bambino, fra gli angeli Michele e Gabriele.

Segue Santo Stefano, il protomartire…

…i drappi del suo meraviglioso vestito sono stati creati pressando gusci di conchiglie!

Nella nicchia posta sotto di lui, una strana figura di uomo armato di spada, che non sono riuscito a decifrare. Forse è posteriore all’epoca degli affreschi…

Segue San Michele Arcangelo, una figura che non mancava mai negli ambienti rupestri…

Poi, i Santi Medici Cosma e Damiano.

Il pilastro è l’unico che si sia conservato, vi è affrescato San Giorgio, e un’altra Vergine con Bambino…

Segue sulla parete, San Giovanni Battista…

Gli affreschi di S.Maria degli Angeli a Poggiardo

di nuovo San Michele Arcangelo, San Giuliano…

Gli affreschi di S.Maria degli Angeli a Poggiardo

… e per finire un’altra Vergine con Bambino, e San Nicola.

Gli affreschi di S.Maria degli Angeli a Poggiardo

La vividezza di questi affreschi è uno spettacolo visivo che consiglio a chiunque di vivere dal vivo: il Comune è dotato di un ottimo sistema museale e preparate guide turistiche che non mancheranno di farvi scoprire le altre meraviglie di Poggiardo, e la sua frazione Vaste!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Gli affreschi di S.Maria degli Angeli a Poggiardo

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.