Sanarica, gioiello nascosto del Salento

Per chi cerca fra i borghi del Salento i gioielli nascosti di questa terra, non può non fare una visita a Sanarica, piccola cittadina molto nota allo studioso Cosimo De Giorgi, che qui fece diverse tappe della sua lunga e avventurosa ricerca personale.

Sanarica pare sia sorta dopo le grandi scorrerie che i saraceni effettuavano fra VIII e IX secolo in queste contrade, e proprio dopo l’assalto alla vicina Muro Leccese probabilmente qui si creò un nucleo stabile, scampato alla distruzione di quel paese. L’attuale palazzo ducale è sorto nel 1559 sulle rovine di un castello quattrocentesco, che era dotato anche di un fossato, da tempo poi convertito in agrumeto.

sanarica

Cosimo De Giorgi ci ha lasciato nei suoi “Bozzetti di viaggio” un’interessante descrizione della cappella che è presente all’interno del castello, dopo l’ingresso sul lato destro. Riporta che è completamente affrescata da pregevoli dipinti cinquecenteschi.

chiesa matrice di sanarica

Chiesa matrice della Madonna Assunta

Alcuni dettagli dell’interno della chiesa matrice…

cripta dell'Assunta a Sanarica

Nei sotterranei della chiesa madre di Sanarica si nasconde l’interessantissima cripta dell’Assunta, riportata alla ribalta da Don Francesco Rizzello il secolo scorso. Un ambiente ancora tutto da studiare.

IMG_4468

Gli affreschi risalgono a partire dall’anno Mille, ma ad oggi non è più possibile risalire alla originaria intestazione della chiesa rupestre, per via della non completa esistenza del ciclo pittorico.

IMG_4474

Nella foto qui sopra l’archeologo Stefano Cortese ha creduto di riconoscere, anche per via della epigrafe ancora in parte leggibile, Santa Caterina d’Alessandria.

IMG_4475

Purtroppo la gran parte degli altri affreschi non è usufruibile, anche perché alcuni ambienti della chiesa sono nascosti dalla costruzione superiore, la seicentesca chiesa matrice.

IMG_4491

L’agro di Sanarica custodisce altre sorprese, come la trecentesca cappella di Santa Maria di Pompignano…

chiesa di Santa Maria di Pompignano Sanarica

Purtroppo il monumento non si conserva in buone condizioni.

IMG_4513

IMG_4515

Torniamo nel centro storico, dove possiamo ammirare il Santuario della Madonna delle Grazie. Sorto durante il 1300, fu ampliato e ristrutturato nel 1700. E’ una grande costruzione in pietra leccese, ricca di tesori artistici.

Santuario Madonna delle Grazie a Sanarica

IMG_4502

Nella foto successiva possiamo ammirare l’antichissimo affresco della Vergine, datato XIII secolo.

IMG_4503

IMG_4504

Gli altari e gli stucchi, pregevolissimi, si susseguono per tutto l’interno del Santuario.

IMG_4506

IMG_4507

Importante anche l’organo, custodito sopra l’ingresso principale.

IMG_4508

La chiesa di San Salvatore è un altro dei preziosi tesori della storia di Sanarica.

basilica di San Salvatore a Sanarica

Risale all’anno Mille, conserva ancora l’originario campanile a vela.

IMG_4428

All’interno si può ancora apprezzare fra gli affreschi i frammenti di un ciclo cristologico, oltre alle opere dei secoli successivi, come nella foto seguente, che illustra il volo di San Giuseppe da Copertino.

IMG_4438

IMG_4433

IMG_4442

Alcuni affreschi sono stati parzialmente recuperati, dopo che una precedente opera di imbiancamento generale li aveva occultati.

IMG_4453

Nelle campagne di Sanarica si incontra di tutto, fra le altre cose una pregevole edicola votiva…

edicola votiva

…di cui si può ancora ammirare affrescato il santo.

edicola votiva sanarica

Il Menhir Croce di Sant’Antonio testimonia l’antichissima frequentazione di questo territorio…

menhir croce di santantonio

…un territorio, che qualunque turista giunga da queste parti non deve fare a meno di visitare!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

 Sanarica, gioiello nascosto del Salento

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.