Resti faunistici di “Scalo di furno” Porto Cesareo

I reperti faunistici esaminati provengono da diverse aree e livelli del sito archeologico di “Scalo di Furno” indagato da Lo Porto negli anni 1969 e 1973. Le aree interessate sono quella del “sacello messapico” nella zona S/E del sito e l’area delle capanne del Bronzo finale nella zona ovest.

Il campione è costituito da 1588, di cui 1069 dall’area del sacello (sacello, betili, strato di sabbia), e 519 dall’area delle capanne protostoriche. E’ stato esaminato anche il campione di “tritume” di conchiglie di murici proveniente dalla capanna B1. Dallo strato di sabbia, nell’area del sacello, prevalgono i resti di Bos taurus, seguiti da Ovis vel capra; per entrambe le specie i resti maggiormente rappresentati sono: metapodiali, falangi e frammenti craniali di individui adulti ed alcuni di subadulto. È presente un singolo resto, un frammento di mascellare con M1 e M2 di Equus asinus. I molluschi marini sono presenti solo con tre frammenti, uno di Arca noae e due di Cerastoderma edule.

Resti faunistici di “Scalo di furno” Porto Cesareo

Fig.1-resti faunistici dallo strato di sabbia(28/07/69).

Tra i resti di vertebrati rinvenuti, a ridosso dei betili prevalgono quelli di Ovis vel capra, seguiti da Bos taurus. Anche qui gli elementi anatomici più rappresentati sono in entrambe le specie metapodiali, falangi e frammenti craniali. Vi e’ anche un frammento di piastrone di testuggine palustre (Emys orbicularis) che attesta la presenza, nei paraggi, di zone umide dulcacquicole. Tra i molluschi vi sono 146 valve di Cerastoderma edule, di cui 44 con evidenti tracce di distacco delle valve. Tre sono i resti di Monodonta articolata, 1 Cerithium alucaster e 1 frammento di Murex trunculus.

Fig.2- resti di vertebrati a ridosso dei Betili(12/08/69).

Fig.3-resti di molluschi marini a ridosso dei Betili(12/08/69).

Anche i resti faunistici dell’area del sacello sono rappresentati da metapodiali, falangi e porzioni craniali di Bos Taurus e Ovis vel capra, tra cui una cavicchia di Ovis aries. Vi è un frammento di palco di Cervus elaphus con tracce di colpi di ascia. I molluschi sono rappresentati con un singolo frammento di valva di Cerastoderma edule. Probabilmente tali resti sono stati deposti nell’area offerti alla divinità. In questo periodo è noto che venivano offerte alla divinità porzioni distali di zampe e il cranio di animali sacrificati, mentre il resto veniva consumato nei banchetti. La deposizione arcaica di Cerastoderma edule è attestata in diversi siti. I molluschi potevano essere raccolti vivi e deposti con la parte molle e, in questo caso, si rinvengono con le valve saldate o venivano raccolti piaggiati e quindi privi della parte molle o, come in questo caso, consumati nei banchetti e successivamente deposti. Che siano stati utilizzati nei banchetti è attestato dalle tracce di distacco delle valve sul margine della conchiglia. Questo mollusco, ancora oggi presente nell’area lagunare di Porto Cesareo, aveva una rilevante importanza nella cultura messapica.

Fig.4-Resti faunistici nell’area del sacello (luglio 1969).

Tra la fauna dei livelli protostorici si riscontra una varietà di elementi anatomici e di specie. Tra gli animali domestici troviamo: Bos taurus, Ovis vel capra, Sus scrofa, Equus sp.e Canis familiaris. Tra i selvatici: Cervus elaphus e Canis lupus. La maggior parte degli elementi anatomici di bovini, suini ed ovicaprini, attribuibili a resti di pasto, presentano tracce di macellazioni da colpi di ascia. I resti di cervo sono da attribuire a individui adulti, tranne un frammento di peduncolo con parte di asta di un individuo giovane (Fig n°5, in basso a sx).

Fig.5-Resti faunistici zona w sopra capanna (4/06/73).

Tra i resti dei molluschi marini dei livelli protostorici vi sono valve di Cerastoderma edule, di Spondylus gaederopus, di Tapus decussatus, di Monodonta articolata e di Murex trunculus. Questo ultimo presenta la tipica frattura per l’estrazione del mollusco (Fig.6, prima conchiglia in alto a sx). Sono tutti da attribuire a resti di pasto.

Fig.6-resti faunistici zona w da 1.00-1.20 (14-15/06/73).

Fig.7-Resti faunistici zona w 1.00-1.20 capanna B.f. (14-15/06/73).

Fig.8-Resti faunistici zona w 1.20-1.40(!8/06/73).

Diverse sono le porzioni di palco di cervo, con peduncolo che ci testimoniano l’attività di caccia al cervo più che la raccolta annuale dei palchi caduti ( zona w da 1.00 a1.20 sopra capanna, zona w da 1.40 a 1.60, capanna B1). Interessante è la presenza di una emimandibola sinistra di lupo.

Fig.9-Resti malacologici zona w 1.40-1.60(22/06/73).

Fig.10-Resti faunistici zona w 1.40-1.60 (22/06/73).

Fig.11-Emimandibola di cane e di lupo zona w 1.40-1.60(22/06/73).

Fig.12-Asta di palco di cervo con peduncolo zona w 1.40-1.60 (22/06/73)

Fig.13-Resti faunistici zona w 1.40-1.60(20/06/73).

Fig.15.-Resti faunistici,zona w da m1.40 a 1.60(22/06/73).

Interessante è una porzione distale di tibia sinistra di Cervus elaphus che conserva lembi di parti molli apparentemente mummificate probabilmente dalla salinità del terreno.

Fig.14-Resti faunistici zona w 1.60-1.90(25/06/73).

È stata esaminata anche una minima parte del campione di “tritume” di conchiglie di murici proveniente dalla Capanna B1. Tali resti frantumati ci portano all’identificazione, nell’area di produzione, di porpora per la tintura. Tali resti potevano anche successivamente essere riutilizzati come componente dei battuti pavimentali delle capanne.

Fig.16-Tritume di conchiglie di murici dalla capanna B1(22/09/69).

Nella Capanna B1 è stata rinvenuta anche una grossa asta di palco di cervo palmato con peduncolo e parte del cranio. E’ stato rinvenuto, inoltre, un frammento di un altro peduncolo, un frammento di palco con rosa e una cavicchia destra di Bos taurus.

Fig.17- Asta, peduncolo,frammento di palco di cervo e una cavicchia di bue(22/09/69).

La maggior parte dei resti faunistici, rinvenuti nell’area delle capanne, so attribuibili principalmente a resti di pasto e materia dura (palco e conchiglie) per la realizzazione di oggetti.

Michela Rugge

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Resti faunistici di “Scalo di furno” Porto Cesareo

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.