Ognissanti, la chiesa dei Templari a Trani

Con grandissimo orgoglio desidero condividere con voi le immagini della chiesa templare di Ognissanti a Trani. Ricchissima di simbologie esoteriche e di riferimenti alla geometria sacra, questa chiesa è un luogo affascinante e di grande misticismo.

Cominciamo ad osservare i suoi dettagli.

Dettaglio dell’abside, che si affaccia sul mare nel vecchio porto di Trani.

“Qui riposa Costantino abate e medico, pregate per la sua anima”. Costantino è considerato, non unanimemente, un appartenente all’Ordine dei Cavalieri Templari.

Capitello sormontante la semicolonna di destra del portale centrale. Si notano due angeli muniti di scettro che reggono un globo. Quello di sinistra ha una sfera contenente una croce latina, quello di destra infilza le fauci di un drago e nel globo si nota una croce di Lorena (croce patriarcale o croce d’Angiò). Alle loro spalle un misterioso viso barbuto…

Dettaglio della monofora dell’abside centrale. In basso a sinistra un simbolo molto particolare: quella che pare essere una croce del Tau ( utilizzata inizialmente come simbolo anche dai templari ) fusa con una sorta di A, il cui trattino è stato sostituito da una sorta di cuneo. Di fianco si riconosce il Nodo dell’Apocalisse, le cui asole potrebbero rappresentare i quattro elementi alchemici fondamentali (aria, acqua, fuoco e terra) mentre il cerchio centrale rappresenterebbe la “quintessenza”. Più a destra un motivo ad intreccio di chiara origine celtica.

L’interno della chiesa di Ognissanti che sorge in pieno centro storico.

Dettaglio di una delle sei colonne che delimitano le navate.

Dettaglio del capitello sormontante la semicolonna di sinistra del portale centrale. Si notano due angeli muniti di scettri che sorreggono dei globi (in quello di destra si nota chiaramente che contiene una croce patente, simbolo dei templari).

Dettaglio del portale centrale visto dal portico. E’ sormontato da una lunetta dove è rappresentata l’Annunciazione.

Dettaglio degli stipiti marmorei del portale centrale. Una sorta di menestrello, dalla folta capigliatura e dalle fattezze animalesche, suona un’antico strumento musicale simile al violino.

Idem. Un esempio di “Femme aux serpents”. Una vergine allatta dai propri seni due serpenti. E’ un’allegoria medievale della lussuria che, probabilmente, trae origine da divinità femminili ancestrali come Ishtar e Lilith.

Idem. Un tritone.

Idem. Una strana figura umana ma con la testa di toro…

Idem. Un centauro.

Idem. Due pavoni che si abbeverano dallo stesso calice, simboleggianti l’Eucaristia.

Lo straordinario abside.

Dettaglio dell’abside.

Idem.

Nodi e intrecci.

Al centro una sorta di drago divora la propria coda. Evidente richiamo al simbolismo dell’uroboro (che rappresenta, come noto, la ciclicità dell’universo).

Grifoni.

Simbologie di difficilissima interpretazione. Al centro pare essere raffigurato un calice mentre a destra un possibile simbolo del femminino sacro…

chiesa Ognissanti, a Trani, chiesa dei Templari

La parte absidale della chiesa vista dal porto.

Testo e foto di Giorgio Zaffaroni. Percorsi nell’Ignoto.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Trani, la chiesa dei Templari

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.