Il Museo del Mare di Gallipoli

Il Museo del Mare è un’altra delle tante perle di Gallipoli, il simbolo della simbiosi fra una città e l’ambiente che la circonda, che l’ha sostenuta e accompagnata nel corso della sua storia. Frutto di anni di lavoro e di un’inesauribile passione per il mondo naturale da parte del suo fondatore, il prof. Giorgio Cataldini, il museo è stato inaugurato a novembre del 2012.

Le collezioni, che propongono un vero e proprio viaggio alla scoperta delle meraviglie del mar Mediterraneo, sono custodite nelle sale di Palazzo Rocci, in via Sant’Angelo, nel cuore del centro storico di Gallipoli.
Il Museo del Mare di Gallipoli
Il Museo ospita una sezione dedicata ai Cetacei, la più importante raccolta presente in Puglia, con scheletri completi di Tursiope, Stenella, Grampoe Zifio, questi ultimi di notevole importanza scientifica e di estrema rarità nel panorama museale italiano.
Il Museo del Mare di Gallipoli
I Rettili sono rappresentati da esemplari di tartarughe, tra cui le specie marine Caretta carettaChelonia mydas.
Non mancano alcune parziali ricostruzioni di imponenti mammiferi come balene e capodogli.
La Collezione è arricchita poi da una vasta sezione ornitologica comprendente invertebrati marini, molluschi, crostacei ed echinodermi.
L’allestimento e’ un altro punto forte di questo virtuale viaggio subacqueo. Dagli scheletri di cetacei appesi in assetto anatomico sulle volte del salone alla teoria di mappe e cartine multicolori affisse sui pannelli divulgativi, tutto aiuta a stimolare la partecipazione del visitatore e coinvolgerlo in un’appassionante esperienza conoscitiva.
Impressionanti per grandezza, le vertebre del capodoglio (sopra)…
…e quelle della Balenottera, un esemplare che risale alla metà del XIX secolo. Una visita si impone, a tutti gli appassionati, studiosi e anche famiglie, per soddisfare la curiosità dei bambini. Il Museo è aperto da martedì alla domenica (mattino, ore 10:00/13:00, pomeriggio di martedì, giovedì, sabato e domenica ore 15:30/18:00), mentre è chiuso il lunedì. Buona visita!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Museo del Mare di Gallipoli

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.