M.A.U.S. Il Museo dell’Ambiente

Una delle sette perle dell’Università del Salento è il Museo dell’Ambiente, uno dei sette Musei realizzati dalle varie scienze dell’Ateneo salentino, collocato nel complesso dell’Ecotekne (presso Monteroni), visitabile e aperto al pubblico, scrigno di una ricca serie di sorprese inaspettate. Il MAUS è stato realizzato nel 2001 nel quadro del progetto coordinato Catania-Lecce. 

È stato ideato per divenire, insieme all’Orto Botanico e al Museo di Biologia Marina, uno dei punti di documentazione e didattica sull’ambiente naturale e la promozione della cultura scientifico-naturalistica del Salento.

museo dell'ambiente 1

Ricostruzione di Allosauro

Oltre alla lunga serie di reperti, fossili di animali e piante, e ricostruzioni realistiche degli stessi, il Museo consta di una collezione di strumenti e apparecchi scientifici dei secoli XIX e XX…

museo dell'ambiente 2

… una stazione meteorologica, connessa ad un database di dati storici che risalgono al 1875, attrezzatura per la ricerca in laboratorio e sul campo, fossili del Miocene e del Cretacico e una collezione di sezioni trasversali di tronchi d’albero per studi Dendrocronologici.

museo dell'ambiente 3

La Natura raccontata nel MAUS è quella esistita in passato, in particolare tra 78 e 3 milioni di anni fa. Questa descrizione è possibile grazie a circa 1500 fossili che hanno costituito la base fondante per l’istituzione del Museo nel 1999.

museo dell'ambiente 4

I periodi rappresentati sono essenzialmente il Cretacico (78 – 65 milioni di anni fa), il Miocene (23 – 5 milioni di anni fa) e il Pliocene (5 – 2 milioni di anni fa). Durante questi periodi il Salento non era ancora la penisola che conosciamo oggi. I fossili contenuti nelle sue rocce sono tutti marini, a testimonianza di un lungo periodo di sommersione.

museo dell'ambiente 5

Angelo Varola è stato il fondatore della Paleontologia universitaria a Lecce, ma queste collezioni sono state studiate anche da ricercatori di altre università per un totale di oltre 50 pubblicazioni.

museo dell'ambiente 6

museo dell'ambiente 7

Qui sopra un gigante marino, Cetotheriidae, risalente al Miocene, ritrovato in una cava a Cavallino.

museo dell'ambiente 8

museo dell'ambiente 9

Ovviamente la fanno da padrone le varie forme di vita di crostacei e conchiglie…

museo dell'ambiente 10

…ma anche le stelle marine e i cavallucci di mare.

museo dell'ambiente 11

museo dell'ambiente 12

museo dell'ambiente 13

museo dell'ambiente 14

museo dell'ambiente 15

museo dell'ambiente 16

museo dell'ambiente 17

Suggestivi i calchi di varie specie di pesci, rimasti intatti nelle rocce…

museo dell'ambiente 18

museo dell'ambiente 19

museo dell'ambiente 20

museo dell'ambiente 21

museo dell'ambiente 22

museo dell'ambiente 23

museo dell'ambiente 24

Il possente squalo Megalodonte, di cui possiamo apprezzare i suoi impressionanti denti, perfettamente conservati!

museo dell'ambiente 25

museo dell'ambiente 26

museo dell'ambiente 27

Fra le tante creature marine che sono fuoriuscite dagli scavi nei pressi della tangenziale di Lecce, anche una balena!

museo dell'ambiente 28

museo dell'ambiente 29

Qui sopra, una Makaira nigricans, con in bocca ancora una lisca di pesce di qualche sua preda!

museo dell'ambiente 30

museo dell'ambiente 31

Le ossa della famosa balena sono parecchie!

museo dell'ambiente 32

museo dell'ambiente 33

Qui sopra, Archeopterix litographica, un uccello che visse in Germania nel Giurassico, che aveva molte caratteristiche in comune coi dinosauri.

museo dell'ambiente 34

museo dell'ambiente 35

museo dell'ambiente 36

Alcuni dei bellissimi esemplari della flora ritrovata presso Surbo, alle porte di Lecce.

museo dell'ambiente 37

museo dell'ambiente 38

museo dell'ambiente 39

museo dell'ambiente 40

museo dell'ambiente 41

Qui sopra uno scorcio di passato lontanissimo, nello specchio di un albero secolare vissuto un milione di anni fa…

museo dell'ambiente 42

…e qui sopra, chiudiamo con un uccello acquatico proveniente da Sant’Andrea, nel Pliocene. Un piccolo assaggio, di quello che il viaggiatore nel Salento finito in questo splendido Museo potrà recepire con una visita di persona!

Un ringraziamento speciale al prof. Genuario Belmonte (Full Professor Zoology), direttore del Museo, per la visita e la chiacchierata concessa. E all’amico e geologo Stefano Margiotta, che per primo mi ci portò!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

M.A.U.S. Il Museo dell’Ambiente

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.