Alla scoperta della Lecce Messapica

La Lecce messapica, finora abbastanza avara nel concedere immagini del suo passato, continua a mostrarsi agli appassionati, pudica, sollecitata dai lavori del Comune, che procede nel programma di riordino dei beni cittadini. Finora, per ammirare le vestigia di quella che fu la città preromana, bisognava fare una lunga passeggiata fra le vetrine del Museo “Castromediano”

straordinario scrigno che meriterebbe risonanza nazionale, per il gran numero di reperti e ricostruzioni, capaci di illustrare un quadro completo di quel periodo…

Lecce messapica

…oppure, una discesa nel celebre Ipogeo Palmieri, fra i suoi ambienti sotterranei ed i bellissimi bassorilievi (vedi l’articolo)…

Lecce messapica

…oppure, ancora, non molto tempo fa, si è aperta una visuale del tutto inedita alle spalle del convento del Carmine (l’attuale Rettorato): gli scavi hanno riportato in vista le mura messapiche della città, che gli aragonesi riutilizzarono sapientemente per le loro fortificazioni…

Lecce messapica

…è un bel vedere, sotto il campanile del chiostro…

Lecce messapica

…si vede anche una parte di fossato…

dsc04199

…mentre negli scantinati di un palazzo a ridosso dell’antico circuito murario della città (fra Porta Napoli e Porta Rudiae) un certosino lavoro dell’Università del Salento, in collaborazione con i lungimiranti proprietari di casa, ha messo in evidenza il basamento delle mura messapiche, ora ben custodite sotto un piano di legno smontabile, e quindi fruibile.

Lecce messapica

In questi scatti d’epoca, che fanno parte della collezione dell’appassionato ricercatore di storia locale Filippo Montinari, si vedono gli scavi dell’inizio del secolo scorso a Lecce, che portarono alla luce numerose tombe. Alcune delle quali, come quella qui sopra, custodivano all’interno una iscrizione in lingua messapica…

Sono le classiche tombe che accomunano le tribù dell’antico Salento, l’attuale provincia di Lecce, in vari siti, per forma e dimensioni.

Particolare del “tridente”, una delle lettere dell’alfabeto messapico.

La nuova scoperta riguarda i sotterranei del Teatro Apollo, che il Comune ha da poco restaurato e reso fruibili….

teatro apollo di Lecce

E’ qui che sono stati ritrovati due sarcofaghi che risalgono al III secolo avanti Cristo contenenti due scheletri, uno dei quali di un bambino, e poi gioielli e monete del IV secolo a. C. e alcuni resti di mura messapiche…

Lecce messapica

…difficile dire se si tratti della mura urbiche: pochi metri oltre il muro della foto qui sopra, se ne intravede un altro…

Lecce messapica

…ma potrebbero anche essere strutture abitative. Certo, la vicinanza con le sepolture potrebbe indicare la presenza della necropoli, che in altre città messapiche era posta a ridosso delle mura. Ma questa è solo un’ipotesi.

Lecce messapica

Qui sotto il teatro, siamo sul piano di calpestio della città messapica, sul suo fondo roccioso, tutto visibilmente lavorato e adattato. Qui camminavano i nostri progenitori. Gli scheletri ritrovati, i sarcofagi, ed i reperti, sono stati trasferiti a Taranto per gli studi, che prevedono un percorso museale all’interno di questo storico contenitore culturale della città.

teatro apollo di Lecce

Una nuova stagione si prospetta all’orizzonte. Con la speranza che il nostro luminoso passato, sposandosi con quello più recente, possa far fiorire sempre di più questa città millenaria.

IMG_6205

Lo scavo ha permesso di allestire un piccolo e interessante museo archeologico, e qui lo potete visitare!

seguici-su-FB

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Lecce Messapica

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.