Il Museo Ferroviario di Lecce

Lecce custodisce fra le sue tante peculiarità un piccolo gioiello di archeologia industriale, un affascinante Museo Ferroviario che ripercorre una tappa fondamentale del progresso umano. Nato insieme all’AISAF Onlus (Associazione Ionico Salentina Amici Ferrovie) nel 1997, grazie ad un insieme di appassionati (come il compianto Piero Muscolino e l’attuale Presidente, Francesco Capezza)

che continuano alacremente a svolgere ricerche ed acquisizioni di materiale storico, il Museo è una visita appassionante, per qualsiasi visitatore, che in questi ambienti ritroverà il gusto di un “viaggio” a misura d’uomo, nel tempo e nella storia, lontano da quest’epoca frenetica, in cui lo stesso concetto di viaggio ha assunto nuovi valori e significati.

IMG_5152

Il Comune ha appoggiato questa lodevole iniziativa, per cui ecco che, in questi spazi, ricavati all’interno  delle ex officine delle Ferrovie dello Stato “Squadra Rialzo” (il cui primo capannone risulta esistere sin dall’inaugurazione della stazione di Lecce avvenuta nel 1866), possiamo intraprendere questo percorso: sopra siamo nella Sala Armamento e Manutenzione, dove si raccolgono attrezzature che ripercorrono il passaggio dal lavoro manuale a quello meccanico…

IMG_5153

…fra le altre cose, è esposto un quadriciclo a pedali (sopra) risalente ai primi anni del ‘900: un mezzo usato per l’ispezione della linea e per raggiungere i cantieri di lavoro.

IMG_5154

Tutto il Museo è arricchito da un gran numero di pannelli illustrativi, che accompagnano passo passo il visitatore, fornendo ogni dettaglio e approfondimento.

IMG_5155

IMG_5156

IMG_5157

Una serie di foto d’epoca vanno a braccetto con gli attrezzi, completando l’immersione in quei tempi…

IMG_5158IMG_5160

IMG_5161

Qui sopra siamo nella Sala Segnalamento, dove sono esposti tutti i tipi di segnale. Nella foto sopra vediamo una donna, nella foto d’epoca: sta ad indicare che questo tipo di lavoro era “ereditario”, siccome un’intera famiglia abitava presso il casello, ciò che faceva il padre finiva col farlo il figlio, o la figlia, in questo caso.

IMG_5162

Sopra: esemplari di telegrafo al lavoro nelle stazioni…

IMG_5165

…e qui invece gli attrezzi per l’illuminazione.

IMG_5167

Poi arrivò anche il telefono…

IMG_5168

Osserviamo una vera stazione del Salento, esattamente quella di Zollino, riportata fedelmente in questa sala…

IMG_5170

…questo era l’ufficio principale… da qui passavano tutte le informazioni, le telefonate e le notizie.

IMG_5171

Da qui venne segnalata una notizia insolita, riportata anche da un disegno che riproduce la scena… (sotto)…

IMG_5172

“Un incidente senza precedenti è avvenuto alla stazione di Zollino nelle Puglie. Un idrovolante sconosciuto, che pare provenisse dall’Oriente, è passato fulmineo a bassa quota, radendo una locomotiva e spezzandone il fumaiolo. Dopo aver rotto anche i fili telegrafici e perduto, nell’urto, un galleggiante, l’apparecchio ha ripreso quota ed è scomparso all’orizzonte”.

IMG_5175

IMG_5176

Oltre alle foto d’epoca, il Museo vanta una lunga serie di ricostruzioni dal vero, di locomotive, strutture e paesaggi…

IMG_5182

…in particolare è molto suggestiva questa qui sopra, con lo sfondo di Castel del Monte.

IMG_5183

Una sezione significativa è quella della Ferrovia Forestale, dedicata alla descrizione della “Decauville”, della Foresta Umbra sul Gargano…

IMG_5184IMG_5185IMG_5186IMG_5187

Qui, un plastico di ambientazione americana riproduce una zona boscosa attraversata da una linea a scartamento ridotto ed una a scartamento normale, su cui sfilano modelli di locomotive progettate per il traino dei convogli di legname su linee particolarmente accidentate.

IMG_5188IMG_5189IMG_5190IMG_5191

Poi cominciano i grandi ambienti, dove possiamo vedere le locomotive, e persino entrarci!

IMG_5193IMG_5194IMG_5195IMG_5196IMG_5198

E’ forse la zona più suggestiva, quella che in effetti fa impazzire i bambini!

IMG_5199

IMG_5201

Il treno-merci…

IMG_5204

IMG_5202

Entrando qui dentro non si potrà non annusare l’odore nostalgico di un passato di fatica, laborioso, e pieno di tutta quella speranza che avrebbe portato il progresso e la tecnica ai nostri giorni…

IMG_5203

Una volta, in una serie di vagoni di questo tipo, personalmente vidi una mostra di fotografie che ripercorrevano le tappe e le traversie dei Migranti, nel corso della Storia. Incontrai gente a cui sfuggiva una lacrima. Ed anche Lucio Parrotto, di Casarano, l’uomo simbolo degli italiani che salirono sul treno diretto in Belgio, nel Dopoguerra, per lavorare 30 anni nelle miniere, per dare un futuro alla propria famiglia…

lucio parrotto

…ecco, visitare questo Museo può generare emozioni simili!

IMG_5205museo ferroviario di lecce

Qui sopra il primo treno della storia della Penisola. L’Italia non era ancora nata, ma nel sud, nel Regno delle Due Sicilie, si viaggiava già con il treno! Un record, in Europa.

museo ferroviario di lecce

museo ferroviario di lecce

museo ferroviario di lecce

Anche questi vagoni sono allestiti come una mostra perenne, e sono ricchissimi di particolarità, tutte da gustare.

museo ferroviario di lecce

museo ferroviario di lecce

Le valigie di cartone, che si intravedono qui sopra, erano il segno distintivo, per tanta gente che cercò un futuro lontano da casa propria.

IMG_5214

museo ferroviario di lecce

museo ferroviario di lecce

Splendidi modellini, e fedeli ricostruzioni, ci calano nel tempo che fu.

IMG_5217

IMG_5218

museo ferroviario di lecce

Altri ricordi di tanta gente… la biglietteria… il momento prima del viaggio…

IMG_5220

museo ferroviario di lecce

Questa locomotiva, personalmente, è la più bella di tutte!

museo ferroviario di leccemuseo ferroviario di leccemuseo ferroviario di lecce

Questo è solo un assaggio, di quello che si può ammirare in questo Museo, unico del suo genere. Ma le emozioni, quelle sono personali, e quelli sono i soli bagagli che ci si può portare dietro, entrando in questo luogo.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Il Museo Ferroviario di Lecce

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.