Il Battistero paleocristiano di Albenga

I tesori di arte e storia d’Italia sono una riserva inesauribile, per cui i nostri viaggi rischiano di non avere mai fine! Oggi, grazie alle fotografie di Paola Di Silvio (archeologa e guida turistica) siamo in provincia di Savona, ad Albenga, di fronte ad uno dei più straordinari esempi di arte paleocristiana: il suo Battistero. Risale ad un periodo compreso tra età tardo romana ed alto medievale, e custodisce un mosaico che insieme a quello di Ravenna è da considerare fra i capolavori assoluti di epoca bizantina.

Nei secoli successivi il monumento si è arricchito dell’influenza longobarda, ed oggi rimane un fulgido esempio di bene architettonico da proteggere e conservare per le successive generazioni.

Il Battistero paleocristiano di Albenga

L’attuale copertura lignea della cupola è frutto di un errore di valutazione novecentesco con cui si credette di eliminare una cupola in pietra ritenuta rinascimentale, e quindi non consona ad un’opera medievale, per far posto alla struttura in legno. In realtà gli studi successivi hanno dimostrato che si trattava della cupola originaria del V secolo, dove si utilizzò per la costruzione la tecnica della sistemazione delle anfore conglobate alla volta.

Il Battistero paleocristiano di Albenga

L’interno dell’edificio custodisce preziosi elementi architettonici, tra cui due tombe ad arcosolio, poste all’ingresso, con decori di arte tipicamente longobarda.

Il Battistero paleocristiano di Albenga

Entrare qui dentro è veramente suggestivo, non si può che rimanere soggiogati dalle suggestioni di cosi tanti secoli… al centro di questa sala, i resti della vasca battesimale ad immersione…

Il Battistero paleocristiano di Albenga

Lo stupendo mosaico bizantino pone al centro il monogramma di Gesù, racchiuso dai cerchi concentrici che rappresentano la Trinità, che riportano le lettere greche dell’alfa e dell’omega, che rappresentano l’Inizio e la Fine di tutto. Una concezione che riporta a Cristo tutto il senso della vita e della Creazione. Non sono molti i mosaici di questa perfezione e perciò costituiscono un vero tesoro. Nel Salento si conta quello di Casaranello. Capolavori da proteggere!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Battistero paleocristiano di Albenga

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.