Fra le meraviglie del Parco Rauccio a Lecce

Un tempo l’uomo viveva in simbiosi con la natura, fortunatamente ancora oggi esistono luoghi in cui il rapporto fra il creato e la vita delle comunità lo si può ancora leggere nell’ambiente, nonostante siano passati secoli: è il caso del Parco Rauccio, situato pochi chilometri appena fuori città, custode di un piccolo scrigno superstite dell’antica foresta di Lecce, oggi scomparsa.Era una grande distesa di querce, lunga oltre 70 km, che andava dal brindisino fino a Otranto, seguendo la fascia immediatamente adiacente alla linea costiera adriatica, dalla quale la separava una zona palustre. Nonostante l’ambiente selvaggio, l’uomo ha sempre vissuto questo territorio, purtroppo sfruttandolo oltre misura: oggi però quel che è rimasto è diventato un parco regionale.

parco rauccio 5

parco rauccio 1

Il cuore della comunità che viveva qui nel XVI secolo era Masseria Rauccio. Faceva parte dell’antico feudo di San Marco, che il Catasto onciario di Lecce riporta nel 1755 tra i beni del Convento della S.ma Annunciata dè P.P. Predicatori fuori le Mura di Lecce. Qui sopra in primo piano si vedono i resti della seicentesca chiesa, purtroppo in rovina: i frammenti del suo altare dimostrano ancora la ricchezza del monumento, che era certo un punto di riferimento per i contadini di allora…

parco rauccio 2

Da questa prospettiva si vede invece l’edificio turriforme, sulla sinistra, che era il corpo centrale nonché difesa dell’insediamento, e sulla destra le rovine di una grande torre colombaia…

parco rauccio 3

…l’allevamento di quei volatili era molto praticato, in quel tempo, per via della bontà che si attribuiva alle loro carni, le uova, ma anche, aggiungo io, per le “comunicazioni” aeree tramite i colombi viaggiatori.

parco rauccio 4

Questa era una tipica masseria “da pascolo”, dove ovini e bovini avevano vasti alloggiamenti e terreni su cui ruminare. Era inserita proprio lungo il percorso della storica “via dello carro” citata dalle fonti, di cui credo di aver trovato un tratto…

strada carraia parco rauccio 1

…che vien fuori nella foto qui sopra, dal fondo roccioso non occluso dalla terra di riempimento per cui sono stati impiantati gli olivi. Ne ho trovato anche un altro tratto, ma il percorso di questa storica via è un’altra storia.

parco rauccio 1

La lecceta sopravvissuta (magari il nome Lecce deriva proprio da essa) è un’oasi meravigliosa…

IMG_6847

…nel percorso predisposto dal Comune si incontrano anche pannelli informativi…

IMG_6848

parco rauccio 2

parco rauccio 3

parco rauccio 4

parco rauccio 5

Lungo il percorso si incontrano anche alberi molto vecchi, ancora vitali…

parco rauccio 6

La foresta ovviamente da riparo a numerose specie animali…

IMG_6849 IMG_6850

parco rauccio

Coloratissime bacche fanno bella mostra fra il verde del sottobosco…

orchidea

…si incontrano diverse specie di orchidee…

parco del rauccio

La torre del Parco ha ospitato per tanto tempo una colonia di tartarughe marine, salvate dai biologi, e curate per essere rimesse in libertà…

parco rauccio tartarughe

parco rauccio

idume 1

Le acque palustri dei dintorni, ma anche le falde sotterranee che provengono dall’entroterra, formano qui un grande bacino…

idume 3

…popolato da folaghe e anatre, sorvolato da uccelli da preda…

idume 2

…è il bacino dell’Idume, alimentato costantemente, tanto da sfociare in mare con un piccolo fiume nei pressi di Spiaggiabella (Torrechianca). Un piccolo viaggio nel cuore di un Salento rimasto quasi intatto come lo videro i nostri laboriosi progenitori.

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Fra le meraviglie del Parco Rauccio a Lecce

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.