Castro, il mare la terra il mito

Castro, la città a strapiombo su un mare incantevole, baciata dalla natura, narrata dal mito e dalla preistoria del Salento. Tutto questo rappresenta il piccolo e affascinante borgo, da sempre legato al nome di Minerva, dea invincibile dell’Olimpo greco. Qui la storia umana ha cominciato molto presto a camminare, nelle sue grotte nascoste, anch’esse affacciate sul mare, davanti al sole nascente. Da qui, narra la leggenda, passò Enea, di ritorno da Troia, dopo la grande battaglia. Da qui tutte le genti sono passate, hanno eretto castelli, templi pagani e poi cristiani, hanno combattuto e vissuto pacificamente, veleggiando su un mare azzurro come il cielo. Una storia infinita, quella di castro, che continua placidamente anche oggi, animata specialmente dai turisti incantati che qui giungono col sole speciale che s’irradia nella bella stagione…

castro

Castro, veduta dal belvedere.

2

Castro, castello aragonese.

3

Castro, castello aragonese.

4

Castro, castello aragonese.

5

Veduta di Castro marina.

6

Castro, veduta dal castello in un giorno di sole.

7

8

Castro, scorcio dal centro storico

9

Veduta della costa in direzione di Santa Cesarea Terme

10

Castro, veduta delle mura medievali

11

Castro, panorama della costa

12

Castro, veduta della costa all’altezza di Grotta Zinzulusa

SAMSUNG

Castro, veduta dall’interno di Grotta Zinzulusa

Come si diceva, la civiltà qui ha attecchito prestissimo, ne sono testimonianza i reperti importantissimi rinvenuti lungo questo tratto di costa e in particolare nella Grotta Romanelli e Zinzulusa, di cui si conservano le testimonianze nel pregevole Museo di Paleontologia e Paletnologia di Maglie “Decio de Lorentiis”.

51

Calco dalla Grotta Romanelli

52

13

14

Castro, castello aragonese

15

Castro, castello aragonese

16

La Cattedrale risale al 1100, costruita molto probabilmente sulle rovine di un tempio pagano, forse legato alle recenti importantissime scoperte archeologiche. E’ una costruzione romanica, molto interessante, che custodisce storie e tesori, oltre alla precedente e adiacente chiesa di rito bizantino.

17

Chiesa madre dell’Annunziata

18 Addolorata, cartapesta, Lecce 1901, Giuseppe Manzo

“Addolorata”, cartapesta di Giuseppe Manzo, 1901.

19 Annunciazione, cartapesta, Lecce XIX (forse A.Maccagnani)

“Annunciazione”, cartapesta del XIX secolo, di A. Maccagnani.

20

Chiesa madre dell’Annunziata, interni.

21

22

23

24

Qui a Castro c’è una grande venerazione per Santa Dorotea, di cui si custodiscono le reliquie e per cui si fa una processione ogni anno, per ricordare la sua tenera storia. Dorotea era una ragazza a cui tengono tanto le vecchiette del paese, una giovane, folle di Dio, che considerava il suo Sposo, e al cui amore si era consacrata per la vita. L’epoca era però tristemente dedicata al culto per l’imperatore di Roma, e Dorotea fu portata al patibolo, sopra il quale non abiurò la sua fede. Teofilo la prendeva in giro, circa il luogo dove stava per finire, siccome era inverno: “Portami un cesto di fiori e frutta, dal giardino del tuo sposo, bella Dorotea”… E lei: “Si, certo, lo chiederò al Signore quel che tu vuoi”. Festosi uccellini giocondi danzando di fior coronando la candida sposa portavan nel ciel. Teofilo intanto se la rideva coi suoi amici della sorte di Dorotea, quando si sentì toccare una gamba e chiamare: “Teofilo, questi sono i fiori e i frutti che Dorotea a te promise dal giardino del suo Sposo”. Intorno era la neve, per i campi, con gli alberi spogli. Fu per Teofilo come un fulmine a ciel sereno quel grazioso bimbetto col cesto ricolmo di fiori e frutta.

25

Reliquie di Santa Dorotea

30 S.Dorotea, cartapesta, Lecce 1882 (forse Maccagnani)

Santa Dorotea, cartapesta (Maccagnani, 1882).

26

Chiesa madre dell’Annunziata, interni.

27

28

29

31 S.Giuseppe Patriarca, cartapesta, Lecce 1924, Giuseppe Manzo

San Giuseppe, cartapesta (Giuseppe Manzo, 1924).

32

Chiesa madre dell’Annunziata, esterni.

33

34

35

Castro, resti della chiesa bizantina, adiacente alla matrice.

36

Chiesa bizantina, affreschi.

37

38

39

40

41

Castro, resti della fortificazione messapica.

42

Castro, resti della fortificazione messapica.

43

Statuetta di Atena, rinvenuta presso il castello.

44

Castro, museo allestito all’interno del castello.

45

46 palaz vescov

Castro, palazzo vescovile.

47

48

Castro, ricostruzione del tempio di Atena.

49

Una città che ha molto da raccontare, tanto da far vedere, infiniti doni da offrire a tutti i viaggiatori, che come Enea passeranno da qui, lungo questo tratto di mare azzurro come il mito.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Castro, il mare la terra il mito

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.